Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Enduring Freedom. Retorica umanitaria e spersonalizzazione nella nuova guerra in Afghanistan

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 mai verificate. Le tecnologie della libera informazione non sembrano quindi essere bastate a contrastare la crescente “virtualità” delle guerre e delle vittime civili. “Le comunicazioni moderne stanno rendendo più facile per un giornalista passare le sue informazioni, con o senza approvazione, e più difficile per qualsiasi autorità controllare il passaggio di informazione, o anche sapere che viene trasmessa”, disse il Ministro della Difesa britannico all’indomani della guerra delle Falkland-Malvinas, il primo conflitto invisibile dell’era televisiva. La convinzione che sia ormai impossibile controllare e tanto meno frenare il libero e anarchico flusso delle informazioni deriva forse da un certo determinismo tecnologico (la possibilità di accedere alle informazioni e alle tecnologie in grado di trasmetterle sarebbero condizioni sufficienti affinché le notizie vengano di fatto diffuse nelle sfera pubblica e rese accessibili per tutti) e dall’ingenua convinzione che i mezzi tecnici di riproduzione di immagini e suoni siano in grado di darci una visione totale, oggettiva e trasparente degli eventi 1 . A queste speranze risponde negativamente Mimmo Candito, reporter di guerra, che sostiene: “Oggi le tecnologie elettroniche consentono una libertà d’azione che nessun vecchio corrispondente poteva immaginare; però mai lo scarto tra potenzialità tecnologica e controllo dell’informazione è stato tanto ampio, drammatico.” 2 Strumenti di comunicazione tecnologicamente avanzati fanno ormai obbligatoriamente parte del bagaglio di ogni reporter di guerra e sono in corso ricerche universitarie sperimentali 3 per costruire il cyber-reporter del terzo millennio: un giornalista in grado 1 L’illusione della neutralità e della “trasparenza” degli strumenti tecnici di riproduzione della realtà (soprattutto gli apparati di riproduzione delle immagini) è nata con l’invenzione della macchina fotografica. Questo tema e le sue implicazione per l’informazione in tempo di guerra saranno discussi al capitolo 2. 2 Candito, Mimmo, I reporter di guerra. Storia di un giornalismo difficile da Hemingway a Internet, Baldini & Castaldi, Milano, 2002, p. 15. 3 I professori John Pavlik e Steven Feiner della scuola di giornalismo della Columbia University di New York sono a capo di un progetto di ricerca per costruire la Mobile Journalistic Workstation (Mjw), un computer contenuto in un grande zaino, a cui “sono attaccati vari strumenti: un modem per il collegamento con Internet e con la redazione, un pc che il reporter terrà in mano per scriverci appunti e note, un’antenna gps per la localizzazione dell’inviato, una cuffia e un microfono per ascoltare i documenti sonori e dialogare con la redazione, una microcamera piazzata dietro la testa per inviare immagini direttamente alla redazione o allo studio televisivo, e infine un paio di occhiali-schermo a cristalli liquidi per far scorrere nel campo visivo (e sovrapposte a questo) tutte le informazioni di testo o di immagini che il giornalista possa richiedere a Internet o al computer di redazione.” Candito, Mimmo, op. cit., p. 549.

Anteprima della Tesi di Ilaria Buselli

Anteprima della tesi: Enduring Freedom. Retorica umanitaria e spersonalizzazione nella nuova guerra in Afghanistan, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ilaria Buselli Contatta »

Composta da 390 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3703 click dal 24/03/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.