Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'autotutela nel diritto tributario con particolare riguardo alla posizione soggettiva del contribuente

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 In un caso, in particolare, la giurisprudenza ha ammesso la possibilità di utilizzare l’accordo sostitutivo non solo in luogo del provvedimento amministrativo, ma “anche in alternativa agli atti di autotutela, stante la discrezionalità che caratterizza i relativi procedimenti” 10 . Si vedrà, successivamente, che, a causa dello scarso reperimento di tali forme di partecipazione all’interno dei procedimenti tributari di primo grado, se non altro per l’esclusione esplicita dell’applicazione delle norme sulla partecipazione ai procedimenti tributari 11 , si sarebbe potuto lasciato “aperto uno spazio non secondario ai poteri di autotutela” 12 , ma, comunque, negli ultimi anni, anche nel settore tributario è stato incentivata la partecipazione del contribuente, come nel caso dell’istituto dell’accertamento con adesione, reintrodotto dal decreto legislativo n. 218 del 1997, che ne ha ampliato l’ambito di applicazione o con la recente L. 212/ 2000, anche detta ‘Statuto del contribuente’. Abbiamo detto che l’annullamento d’ufficio si inquadra all’interno dei "procedimenti di secondo grado", locuzione introdotta dalla pratica giurisprudenziale, ma che non ha trovato molto seguito in dottrina, la quale ha preferito soffermarsi all’analisi del fenomeno, invece di tentare la sintesi 13 , proprio per una difficoltà oggettiva a considerare unitariamente tali procedimenti. Il potere di emanarli, per una parte della dottrina, trova il suo fondamento nel privilegio accordato all’amministrazione a tutela dell’interesse pubblico 14 , per altri è una forma di manifestazione 10 Cons. St., sez. V, 3 giugno 1996, n. 621, in Foro amm., 1996, p.1869. 11 Vedi l’art. 13, co. 2: “Dette disposizioni non si applicano altresì ai procedimenti tributari per i quali restano parimenti ferme le particolari norme che li regolano.” L. n.241/1990. 12 In tal senso D. STEVANATO, L’autotutela dell’amministrazione finanziaria, Padova, 1996, p.7. 13 M. S. GIANNINI, Diritto amministrativo, Milano, 1993, p.553, che accenna all’unica eccezione di rilievo e cioè: A. M. SANDULLI, Manuale, p.697ss. 14 G. ZANOBINI, Corso, Milano, 1942, p.246.

Anteprima della Tesi di Massimo Amato

Anteprima della tesi: L'autotutela nel diritto tributario con particolare riguardo alla posizione soggettiva del contribuente, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimo Amato Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12478 click dal 01/04/2005.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.