Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

A onor del vero. Pitigrilli: scrittore anti sublime. Viaggio nella vita e nelle opere di un autore controverso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Il dannunzianesimo stesso, primo fenomeno culturale recepito e recepibile a livello di massa, cioè al di fuori di quella ristretta cerchia d’intellettuali che erano sia i produttori che i fruitori del prodotto culturale, viene in breve tempo criticato e smitizzato: artisti come Petrolini, attivo fin dal 1903, Palazzeschi, Campanile, i Futuristi a loro modo, smantellarono l’impianto sublime assunto dalla “cultura”. Pirandello stesso, nel saggio su Verga, criticò D’Annunzio, proponendo una letteratura di «cose» invece che di «parole»: indagare l’irrazionale che pulsa nel profondo del nostro intimo, ma anche rivalutare, ripensare quell’«avvertimento del contrario» che suscita il riso. L’emergere del genere comico-umoristico è un altro leit motiv del tempo, che s’inserisce nelle varie tendenze centrifughe che provano a disgregare un modello culturale unico e di riferimento. La psicoanalisi freudiana diede nuovi stimoli alle scienze sociali che iniziarono a studiare la società con la stessa nuova profondità con cui si trattava ora l’individuo: il tardo positivismo darwinista consegnava al nuovo secolo suggestioni organiche applicate all’antropologia, alla sociologia, che, nelle loro frangenti più degenerative, approdarono all’eugenetica. Le nuove aspirazioni della donna turbarono lo status quo e fecero fiorire un coacervo di opere che secondo vari punti di vista offriva interpretazioni “scientificamente” corrette del fenomeno: nel 1893 uscì a Milano Fisiologia della donna di Mantegazza, subito messo all’indice dai censori, vari interventi di Max Nordau, che volle dare il suo contributo, la fortunatissima opera di Otto Weininger, Sesso e carattere, pubblicata a Vienna nel 1903, seguite da un interesse crescente verso la neonata questione sessuale. Il processo d’emancipazione femminile muoveva i primi passi nel contesto indicato, e in generale cominciava ad interessare sempre più l’opinione pubblica nazionale, colpita anche da personalità artistiche come Sibilla Aleramo e Amalia Guglielminetti, che si muovevano sulla scena letteraria con disinvoltura.

Anteprima della Tesi di Mattia Bernardo Bagnoli

Anteprima della tesi: A onor del vero. Pitigrilli: scrittore anti sublime. Viaggio nella vita e nelle opere di un autore controverso, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mattia Bernardo Bagnoli Contatta »

Composta da 299 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2324 click dal 08/04/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.