Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

A onor del vero. Pitigrilli: scrittore anti sublime. Viaggio nella vita e nelle opere di un autore controverso

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 IL CASO EDITORIALE I.1 Il panorama culturale dell’Italia nel primo dopo guerra È noto a tutti che il Novecento porti alla ribalta profondi cambiamenti alla vita umana, ad ogni latitudine e sotto ogni aspetto, scientifico, economico, sociale e politico. Riassumendo: è la cultura, nella sua accezione più ampia possibile, che va mutando alla radice, e si costituisce come una nuova coscienza collettiva, radicalmente diversa da quella che soggiace alla rivoluzione borghese del secolo XIX. L’Italia pur facendo ovviamente parte del processo di trasformazione globale, presenta un’evoluzione propria e peculiare, che prende l’avvio da una situazione di sostanziale arretratezza nei confronti delle nazioni occidentali imperialiste: sia a causa di ragioni “storiche”, sia per motivi contingenti alla geopolitica del tempo. Il quinquennio 1920-1925, che corrisponde al periodo “aureo” di Pitigrilli autore, si pone come uno spartiacque nella storia del paese: durante questo lasso di tempo si conclusero molte delle trasformazioni iniziate negli anni precedenti, e contemporaneamente si gettarono le basi per lo sviluppo successivo della storia italiana. Nei quindici anni che precedono lo scoppio della Grande Guerra, s’affastellano e si stratificano eventi, stimoli artistici, novità, provocazioni e conseguenti reazioni. L’Italia contribuì massicciamente all’avanguardismo europeo grazie ai Futuristi, che proclamarono il loro impegno dal 1909: l’idolatria per ogni manifestazione del moderno, la destrutturazione dei modelli linguistici, sia nella forma che nel contenuto, la rottura delle convenzioni sociali, furono solo alcuni degli assalti condotti dal gruppo di Milano contro il modello culturale italiano. Ai nuovi movimenti di rottura si somma la fase matura del Decadentismo, anch’esso portatore di disagio, e un nuovo sentimento d’inadeguatezza percorre gli artisti e la società.

Anteprima della Tesi di Mattia Bernardo Bagnoli

Anteprima della tesi: A onor del vero. Pitigrilli: scrittore anti sublime. Viaggio nella vita e nelle opere di un autore controverso, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mattia Bernardo Bagnoli Contatta »

Composta da 299 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2324 click dal 08/04/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.