L'ordinamento dell'istruzione in Italia e in Spagna

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 verso una maggiore partecipazione dei cittadini alla coesione sociale e allo sviluppo economico”. L’istruzione, poi, è strettamente correlata con una serie di diritti e di libertà, quali il diritto allo studio, la libertà di insegnamento, la libertà di creazione di istituti scolastici privati, la libertà di scelta dei genitori sulla formazione religiosa e morale dei figli, etc. Questi diritti e libertà sono tutelati dai singoli ordinamenti, che ne devono garantire l’osservanza. In Spagna, addirittura, il diritto all’istruzione è ritenuto un diritto fondamentale. Inoltre, come si avrà modo di dire più dettagliatamente nell’appendice di aggiornamento, l’istruzione è materia quanto mai attuale (e oggetto di polemiche, dibattiti ed interventi normativi di vario tipo) nei due ordinamenti presi in esame. Il lavoro qui presentato si pone come obiettivo quello di effettuare un tentativo di comparazione tra l’ordinamento dell’istruzione in Italia e in Spagna in ordine a tre fattori di particolare interesse: il riparto di competenze tra Stato, regioni, enti locali ed istituzioni scolastiche in materia di istruzione; il rapporto che intercorre tra il settore pubblico e quello privato dell’educazione; la disciplina e l’attuazione dell’autonomia scolastica. Partendo da una breve introduzione storica su quelle che sono state le vicende dell’istruzione fino ad oggi, si darà risalto alle vicende relative alla costituzionalizzazione della materia e alle varie previsioni contenute nella due Carte fondamentali.

Anteprima della Tesi di Fabrizio Altieri

Anteprima della tesi: L'ordinamento dell'istruzione in Italia e in Spagna, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fabrizio Altieri Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4040 click dal 01/04/2005.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.