Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Adolescenti allontanati dalla famiglia: tra disagio e capacità di ''resilienza''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo: Cenni sullo sviluppo sociale con particolare riferimento alla fase adolescenziale ------------------------------------------------------------------------------------------------------ viene inviato un messaggio invischiante: «Non ti allontanare perché il mondo è pericoloso e perché io (genitore) non potrei sopportare il distacco da te». Infine il profilo Insicuro-disorganizzato rappresenta l’estremo più disfunzionale; è caratterizzato dall’assoluta imprevedibilità e incoerenza dei messaggi inviati da un adulto molto disturbato in seguito a gravi sofferenze pregresse (lutti, abusi, abbandoni, ecc.). Per un bambino vivere una relazione di attaccamento incostante e disorientante può avere conseguenze drammatiche, come carenza d’integrità del sé e diffusione dell’identità (Fonagy et al., 1995). Tale mappa relazionale, imprecisa e lacunosa, limita notevolmente la possibilità di muoversi adeguatamente nel proprio universo emotivo e nell’articolato mondo delle relazioni con gli altri (come spesso avviene nelle persone che presentano disturbi psichiatrici). Dunque, l’eredità che il genitore lascia ai propri figli non comprende solo il patrimonio genetico o quello economico, ma anche la capacità, più o meno sviluppata, di muoversi nel mondo sociale. La disponibilità e la sensibilità che l’adulto sa offrire ai figli dipende, però, in larga parte dalla sicurezza sperimentata dalle sue relazioni infantili di attaccamento. Il genitore sicuro, che ha fiducia in sé e nel mondo ed è libero di accettare gli altri con i loro pregi e difetti, riesce a guardare i propri figli con realismo, senza essere intrappolati dall’immagine del figlio ideale e fantasticato. Questo li rende disponibili e tolleranti nei confronti del proprio bimbo e compresivi ed empatici verso i suoi vissuti: emozioni, desideri e paure. L’essere accettato e riconosciuto nelle proprie emozioni (anche in quelle negative e dolorose come la rabbia, la gelosia e la delusione) fa crescere il bambino con la sensazione di essere amato, e quindi amabile; questa ripetuta esperienza positiva crea una mappa relazionale improntata 13

Anteprima della Tesi di Manuela Bencini

Anteprima della tesi: Adolescenti allontanati dalla famiglia: tra disagio e capacità di ''resilienza'', Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Manuela Bencini Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10279 click dal 08/04/2005.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.