Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Adolescenti allontanati dalla famiglia: tra disagio e capacità di ''resilienza''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo: Cenni sullo sviluppo sociale con particolare riferimento alla fase adolescenziale ------------------------------------------------------------------------------------------------------ 1.2 La teoria dell’attaccamento: un contributo allo studio dell’interazione Il legame d’attaccamento può essere definito come una particolare relazione affettiva duratura di un individuo nei confronti di una persona specifica, percepita come più forte e competente, e non sostituibile da altre; si tratta di un legame emotivamente significativo per cui l’individuo che si sviluppa desidera mantenere la vicinanza fisica e/o affettiva con tale figura di attaccamento, da cui trae sicurezza e conforto, e prova angoscia se è costretto ad una separazione involontaria. A far sì che una persona assuma questo ruolo non sembra essere la quantità di tempo trascorso con il bambino o il fatto di punirlo e nutrirlo, ma la prontezza nel rispondere ai suoi approcci e il grado in cui essa promuove interazioni sociali, sorridendo, giocando, coccolando. Dei dati molto importanti al riguardo vengono da ricerche condotte su bambini israeliani allevati in Kibbuz; essi trascorrevano la maggior parte del loro tempo in asili nido, e solo un paio d’ore al giorno con i genitori. Questi bambini manifestavano l’attaccamento nei confronti dei genitori che li coccolavano, e non delle assistenti dell’asilo, che pure provvedevano a nutrirli e tenerli puliti e che trascorrevano con loro gran parte del tempo. La persona che è più vicina affettivamente al bambino (molto spesso, ma non necessariamente, la madre biologica) diventa la sua figura d’attaccamento prevalente, la sua “base affettiva”. Poi, durante la crescita si creano altri importanti legami d’attaccamento: con il padre, i fratelli, i nonni, le baby-sitter, gli insegnanti…Sono tutte relazioni che sommandosi al legame d’attaccamento principale, influiscono sullo sviluppo del bambino ed estendono la sua influenza fino alla personalità e allo stile relazionale dell’adulto. 9

Anteprima della Tesi di Manuela Bencini

Anteprima della tesi: Adolescenti allontanati dalla famiglia: tra disagio e capacità di ''resilienza'', Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Manuela Bencini Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10279 click dal 08/04/2005.

 

Consultata integralmente 25 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.