Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagini empiriche e teoriche sulle prestazioni di reti peer-to-peer basate su grid-file distribuito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Indagini empiriche e teoriche sulle prestazioni di reti peer-to-peer basate su grid file distribuito Cap. 1 ~ Strutture dati e grid file 9 Il GF è dinamico, nel senso che le pagine vengono allocate e rilasciate a seconda delle necessità , ecco perché la suddivisione degli scales in range (per ottenere i confini delle celle) deve essere dinamica. Ciò significa che non esistono strutture di celle prestabilite (anche se ciò renderebbe le cose più semplici), ma i confini delle celle vengono definiti dinamicamente in base alla distribuzione delle tuple all’interno del grid file. Il processo di inserimento di un nuovo elemento inizia con un’operazione di recupero, più precisamente una ricerca puntuale, avente lo scopo di individuare la pagina in cui la tupla andrà inserita. Se la pagina può contenere la nuova tupla, ovvero il numero di punti già contenuti è inferiore al prefissato limite massimo di punti archiviabili in ogni pagina (detto “ bucket size”), il processo di inserimento termina qui, con l’archiviazione della tupla nella pagina individuata. Se invece la pagina è già piena, ovvero il numero di punti già contenuti corrisponde al ‘bucket size” prefissato, essa dovrà essere suddivisa (splittata) in 2 pagine, e di conseguenza anche lo schema di indirizzamento dovrà essere rivisto e adeguato; inoltre visto che la directory del GF ha un page pointer per ogni sottospazio e poiché i limiti di tali sottospazi sono contenuti all’interno degli scales, sarà indispensabile riorganizzare anche gli elementi di tali vettori. Il grid-file è in grado di supportare processi di ricerca garantendo elevate performance. Ad esempio le interrogazioni di tipo puntuale vengono effettuate con un costo costante di 2 accessi al disco. IBGF: Interpolation Based Grid File IBGF è una variante, un’evoluzione del concetto base di grid-file. Questa struttura, proposta in letteratura da M. Aris Ouksel [Ouks85], combina le proprietà geometriche del grid-file con quelle tipiche delle strutture di manutenzione degli indici basate su algoritmi di interpolazione. IBGF opera un partizionamento dinamico dello spazio dati in regioni identificabili univocamente e fra loro anche innestate (nested). Ogni regione è localizzabile tramite un identificatore univoco, ricavato con un particolare

Anteprima della Tesi di Emiliano Ciotti

Anteprima della tesi: Indagini empiriche e teoriche sulle prestazioni di reti peer-to-peer basate su grid-file distribuito, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Emiliano Ciotti Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 867 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.