Skip to content

Rimozione di nutrienti e microinquinanti attraverso un processo a fanghi attivi assistito da membrana e carboni attivi

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Nutrients and micropollutants removal by a membrane bioreactor (MBR) and activated carbons 16 The family of polysulfone membranes are widely used in MF and UF. Polysulfone (PS) and Polyethersulfone (PES) are considered breakthroughs for MF and UF applications due principally to the following favourable characteristics: wide temperature limits (up to 125°C), wide pH tolerances (1-13), fairly good chlorine resistance (up to 200 ppm chlorine for cleaning and up to 50 ppm chlorine for short-term storage of the membrane), easy to fabricate membranes in a wide variety of configurations and modules, wide range of pore sizes available for UF and MF applications (from 1000 MWCO to 0.2 µm), good chemical resistance to aliphatic hydrocarbons, fully halogenated hydrocarbons, alcohols and acids. The main disadvantages of PS and PES are the apparent low pressure limits (typically 7 bar with flat sheet membranes and 1.7 bar with PS hollow fibres) and hydrophobicity which leads to an apparent tendency to interact strongly with a variety of solutes, making it prone to fouling in comparison to the more hydrophilic polymers such as cellulose and regenerated cellulose. Other polymeric materials. available industrially are: ƒ Nylon: these membranes are naturally hydrophilic with fluxes of the same order of magnitude as cellulosic membranes. They are also autoclavable; however they strongly bind biological solutes such as nucleic acids and proteins. ƒ Polyvinylidene fluoride (PVDF): it can be autoclaved and its chemical resistance to common solvents is quite good. A very popular material for MF and UF. Is has better resistance to chlorine than the PS family. ƒ Polytetrafluoroethylene (PTFE): is also very stable to strong acids, alkalis and solvents and can be used in a wide range of temperatures (from -100°C to 260°C). It is extremely hydrophobic and finds many uses in the treatment of organic feed solutions, vapours and gases. PTFE membranes are available only in MF pore sizes. ƒ Polypropylene (PP): it is widely available in the form of hollow fibres. It is hydrophobic, relatively inert and can withstand moderately high temperatures. ƒ Regenerated cellulose (RC): these membranes are very hydrophilic and have exceptional non- specific protein-binding properties. RC has also good resistance to some common solvents such as 70% butanol and 70% ethanol and can tolerate temperatures up to 75°C. ƒ Polycarbonate: is one of two polymers (polyester is the other one) that are used to make track-etch membranes. Inorganic membranes Inorganic membranes are also generically referred to as ceramic or mineral. With a couple of exceptions, inorganic membranes are available in tubular form, either as a single-channel tube or multi-channel element that may contain 7 to 37 individual circular channels depending on the relative diameters of the channel and the element. The inner diameter of individual channel varies from 2-6 mm and lengths from 0.8 – 1.2 m. in all inorganic modules the feed flows through the inside of the channels, while the permeate flows through the support layer around the lumens in the monolith and to the outside of the element. Several individual elements are assembled in one housing and two to four housings are placed in series in a stack, with several stacks in parallel. The properties of inorganic membranes are: inert to common chemicals and solvents, wide temperature limits, wide pH limits, pressure limits, extended operating lifetimes, back flushing capability. Some limitations of ceramic membranes are also: they are brittle, pore sizes available are mostly MF and UF, a large pumping capacity is required, expensive.
Anteprima della tesi: Rimozione di nutrienti e microinquinanti attraverso un processo a fanghi attivi assistito da membrana e carboni attivi, Pagina 11

Preview dalla tesi:

Rimozione di nutrienti e microinquinanti attraverso un processo a fanghi attivi assistito da membrana e carboni attivi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Innocenti
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Rimozione di nutrienti e microinquinanti attraDottorato di ricerca in Scienze Ambientali
Anno: 2004
Docente/Relatore: Paolo Pavan
Istituito da: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
Dipartimento: Dipartimento di Scienze Ambientali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 183

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acque reflue
carboni attivi
metalli
microinquinanti
nutrienti
sbr
ultrafiltrazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi