Tre riletture del pensiero di Spinoza nella filosofia contemporanea: G. Deleuze, A. Negri, E. Balibar

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Tuttavia, il problema per Aristotele non è mai stato quello assiologico, come per Platone, quanto, piuttosto, quello logico di evitare i paradossi del dualismo identità-differenza o, meglio, di impedire al pensiero di restare paralizzato nell’opposizione, apparentemente insolubile, fra equivoca dispersione del reale e univoca uniformità dell’essere. Per evitare questi diabolici inconvenienti lo Stagirita si serve del mondo della rappresentazione 11 , ossia di concetti logicamente “addomesticati” che rappresentano i supremi generi dell’essere, i significati principali a cui la molteplicità del reale va ricondotta analogicamente. Si comprende subito come l’obiettivo di Aristotele fosse quello di mettere ordine, di offrire un’immagine coerente e fondata del mondo, in definitiva di usare l’analogia come strumento per ricondurre il diverso all’identità 12 . Questa unità ontologica, infatti, questa identità dell’essere è qualcosa di primo, un qualcosa rispetto al quale i significati analogici sono significati secondi, cioè derivati rispetto a quello originario, che svolge quindi una funzione di sostegno per tutti gli altri. Cos’è allora questa unità prima e fondamentale? Possiamo dire che è l’archè, l’essenza analogica, l’origine unica a cui tutti i modi molteplici, in cui l’essere si dice, si riferiscono: insomma, la sostanza (ousia), la categoria prima che si esprime nella formula del che “cos’è?” Questa domanda, che nella storia della filosofia classica è stata consacrata come la domanda socratica per eccellenza, chiedendo l’essenza di una cosa, in realtà si interroga solo sull’identità del diverso, sulla somiglianza delle cose fra loro, ignorando completamente il problema della differenza. 11 Per una trattazione della logica rappresentazionale della differenza secondo Aristotele si veda G. Deleuze, Differenza e ripetizione, cit., p. 46. 12 Aristotele fa riferimento all’unità analogica. Tale unità si ha quando una molteplicità di significati si riferisce ad un significato primo, Metafisica, V.

Anteprima della Tesi di Rocco Di Fonzo

Anteprima della tesi: Tre riletture del pensiero di Spinoza nella filosofia contemporanea: G. Deleuze, A. Negri, E. Balibar, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rocco Di Fonzo Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6033 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.