Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tre riletture del pensiero di Spinoza nella filosofia contemporanea: G. Deleuze, A. Negri, E. Balibar

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 preindividuale della costituzione dell’essere. L’uomo sviluppa il suo desiderio, cioè la sua essenza, e attualizza la sua potenza solo attraverso la comunicazione con gli altri. Questi rapporti tra gli individui non sono fondati da un principio di somiglianza o identità, ma dalla differenza di potenza 6 . È proprio grazie alla differenza attuale tra le capacità e le potenze di ognuno che gli uomini sono utili fra loro, in modo da superare attraverso il rapporto sociale tutti gli ostacoli alla realizzazione della propria utilità. Ognuno realizza la propria singolare e irriducibile tendenza ontologica solo attraverso la convergenza plurale delle forze materiali, solo grazie ad una transindividualità collettiva che non solo è l’unico modo per superare i limiti esterni che tentano di reprimere la potenza, ma è anche il terreno su cui la differenza afferma la sua funzione di principio genetico-costitutivo dell’individualità. Affermare che l’essenza dell’individuo, il suo grado di potenza singolare, si esprime solo nel processo collettivo dei rapporti sociali, cioè nella moltitudine, vuol dire rovesciare il pensiero cartesiano e kantiano. Vuol dire non partire più dal soggetto e dalla sua coscienza pensante, ma concepire questi come i risultati, gli effetti di un progetto ontologico preliminare che attraversa le singolarità, in quanto processo di composizione dell’essere. Il mondo non è il risultato di volontà e coscienza, ma coincide con la rete plurale di circolazione e produzione degli affetti e delle idee. È tramite il processo dell’immaginazione che gli individui sfruttano il loro differenziale di energia per produrre individui ancora più potenti, i quali assicurano la loro autoconservazione, ma soprattutto permettono lo sviluppo della potenza, cioè aumentano l’essere. Grazie a questa linea di pensiero, discontinua e metastabile come una spirale in continua rigenerazione, Spinoza esprime tutta la sua attualità, 6 Ivi, p. 56.

Anteprima della Tesi di Rocco Di Fonzo

Anteprima della tesi: Tre riletture del pensiero di Spinoza nella filosofia contemporanea: G. Deleuze, A. Negri, E. Balibar, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rocco Di Fonzo Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5950 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.