Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Per quanto riguarda la variabile temporale, bisogna inequivocabilmente distinguere tra obiettivi di breve, di medio e di lungo periodo. La prima tipologia fa riferimento ad iniziative pubblicitarie che nascono, si sviluppano e si concludono nell’ambito dell’esercizio. La funzione che generalmente viene assegnata a tale tipo di intervento è quella di sostegno della notorietà dell’azienda, delle sue produzioni e dell’atteggiamento che si genera nei suoi confronti.Tali iniziative vengono quindi considerate dei costi di esercizio e come tali allo stesso imputate. Gli obiettivi possono anche riguardare il medio periodo, ad esempio quando un’impresa, che già agisce su un determinato mercato, decide di lanciare un nuovo prodotto o una nuova linea di prodotti. Infine si hanno le campagne pubblicitarie che estendono i loro effetti su un periodo più lungo: si può pensare, a titolo d’esempio, al lancio di una nuova impresa su un mercato oppure alla presentazione di prodotti veramente innovativi che, come tale, il mercato e i consumatori hanno bisogno di conoscere, sviluppando un certo grado di familiarità 4 . Il secondo aspetto riguarda la quantificazione degli obiettivi: per verificare se questi siano stati raggiunti, è necessario che si possano facilmente misurare. Quindi l’approccio che bisognerà adottare sarà volto a identificare degli obiettivi che siano contemporaneamente specifici, misurabili, ragionevoli e controllabili nel tempo. Solo questa impostazione consentirà di verificare nel modo più appropriato gli esiti della campagna e su questi porre le basi per le successive. Il terzo fattore che bisogna analizzare riguarda i vincoli. Accanto alla presenza di vincoli di natura economica e finanziaria, la cui analisi viene rinviata al paragrafo dedicato alla stesura del budget e alle sue implicazioni nel processo di pianificazione, si possono trovare: vincoli legati alle 4 BRIOSCHI E.T., L’efficacia della comunicazione aziendale: un approccio per la sua misurazione, in BRIOSCHI E.T. (a cura di), L’efficacia della comunicazione pubblicitaria: problemi ed esperienze in un contesto internazionale, “Comunicazioni sociali”, 1996, 3-4, p. 416. 31

Anteprima della Tesi di Alessandro Misiti

Anteprima della tesi: La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Misiti Contatta »

Composta da 300 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11694 click dal 31/03/2005.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.