Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

campagne messe in atto da aziende concorrenti che possono limitare o impedire un’efficace realizzazione della propria campagna. A questo proposito occorre però prestare attenzione non soltanto a quello che avviene nell’ambito competitivo ma anche ad una coerenza interna, ovvero risulta indispensabile creare una certa continuità con le campagne precedenti. La mancata considerazione di tale aspetto può dar vita a delle campagne che, non tenendo conto del passato e di ciò che è stato costruito con esse, creano confusione nei destinatari della comunicazione e possono così seriamente minare l’immagine del prodotto o dell’azienda stessa. Un altro elemento da monitorare costantemente è il pubblico obiettivo che con il suo comportamento e la sua risposta sancisce il successo di una campagna e di ciò che questa si prefigge. Si deve pertanto raggiungere un buon livello di conoscenza del target group e delle sue caratteristiche perché gli obiettivi devono essere coerenti con queste. Una dissonanza tra caratteristiche distintive del pubblico a cui ci si rivolge e gli obiettivi della campagna crea una incompatibilità di fondo che si traduce nella impossibilità di ottenere i risultati sperati. Ne discende che non si può prescindere da una chiara identificazione del target group e dalla risposta attesa dalla azione di comunicazione a questo rivolta. Si esamini il primo aspetto: la definizione del pubblico obiettivo non deve assumere dei connotati generici ed evasivi. È dunque fondamentale che il target group sia identificato con precisione. Non si deve quindi considerarlo un aggregato indifferenziato, ma bisogna operare delle scelte che consentano di individuare in maniera selettiva ed incisiva i destinatari dell’iniziativa pubblicitaria. L’accuratezza che bisogna avere nell’affrontare questa problematica si sostanzia nel risultato di numerose ricerche condotte in questo campo: un messaggio ben recepito da una certo tipo di target può ricevere una accoglienza diversa da un target differente. 32

Anteprima della Tesi di Alessandro Misiti

Anteprima della tesi: La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Misiti Contatta »

Composta da 300 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11694 click dal 31/03/2005.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.