Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

fissare degli obiettivi che mostrino coerenza con le possibili reazioni del consumatore. Per quanto riguarda l’attenzione, l’obiettivo sarà volto a stabilire su quali caratteristiche o funzioni attirare la mente del consumatore; con riferimento all’interesse si cercherà, invece, di sviluppare delle strategie, dei meccanismi per generare nella mente del consumatore, per l’appunto, un interesse che dovrà poi essere elevato a vero e proprio desiderio per il prodotto. Se, al contrario, ci si concentra sull’ultima componente del modello l’obiettivo sarà quello di far leva su messaggi che convincano il consumatore della bontà dell’acquisto. Accanto al modello AIDA è stato sviluppato un approccio che classifica le risposte del consumatore all’azione pubblicitaria. Queste portano a raggiungere un determinato livello di apprendimento. Si distingue: - l’apprendimento cognitivo: in questa situazione l’azione pubblicitaria ha migliorato il contenuto informativo, la conoscenza del consumatore, ne ha ridotto il rischio percepito. In questo caso lo strumento della pubblicità si pone in un’ottica di tipo informativa. - l’apprendimento affettivo: in questo contesto si cerca di agire sulla sfera soggettiva. L’attenzione non è più concentrata su elementi oggettivi come in precedenza. Infatti viene stabilito l’obiettivo di ingenerare nella mente del consumatore un apprezzamento nei confronti di quello specifico prodotto. A tal fine si pone in essere un’azione persuasiva il cui scopo è quello di agire sulla sfera soggettiva dell’individuo e di portarla a sviluppare un atteggiamento positivo e di desiderio nei confronti del prodotto. - l’apprendimento comportamentale, ovvero il terzo ed ultimo stadio, con il quale si cerca di portare il consumatore all’acquisto del prodotto o servizio pubblicizzato. In altre parole si vuole sollecitare il cliente a compiere l’acquisto. 34

Anteprima della Tesi di Alessandro Misiti

Anteprima della tesi: La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Misiti Contatta »

Composta da 300 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11694 click dal 31/03/2005.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.