Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Prima di passare ad un approccio di analisi più dettagliato degli obiettivi, è importante sottolineare altre due motivazione che confermano l’assoluta necessità di chiarezza nella loro stesura: questa fase rappresenta il primo passo nella pianificazione di una campagna pubblicitaria e, come già detto, ogni errore compiuto in tale sede senza dubbio influenza negativamente tutti i successivi stadi, compromettendo l’esito della campagna e comportando uno spreco di risorse non indifferente. La seconda ragione si sostanzia nel fatto che gli obiettivi devono essere chiari, comprensibili e univoci perché rappresentano un mezzo per il coordinamento di tutti i soggetti coinvolti nel processo di sviluppo di una campagna pubblicitaria: sono pertanto un veicolo insostituibile per la comunicazione tra il cliente, l’account executive dell’agenzia e il gruppo creativo. Inoltre servono per coordinare gli sforzi dei copywriter, gli acquirenti nei media e gli specialisti della ricerca. Oltre a questo l’obiettivo rappresenta un punto di riferimento nell’assunzione delle decisioni che si devono prendere mentre si procede alla pianificazione della campagna pubblicitaria. Infine, come già in precedenza affermato, l’obiettivo deve essere lo strumento per verificare l’efficacia di una campagna. Al fine di svolgere al meglio tale funzione si deve esprimerlo in forma quantitativa in modo tale da poterlo confrontare con i risultati ottenuti, verificare la coerenza con quest’ultimi ed in caso negativo analizzare lo scostamento esistente tra obiettivi prefissati e risultati effettivi, interpretando le cause che hanno generato tale gap. Queste possono essere legate a fattori esterni, non controllabili e imprevisti, oppure alla pianificazione di azioni pubblicitarie non completamente in linea con gli obiettivi. L’eventuale scostamento, in ogni caso, deve essere interpretato come un indicatore significativo per porre delle correzioni e impostare diversamente future campagne. In conclusione si ribadisce come sia essenziale avere degli obiettivi in grado di contraddistinguersi per la loro operatività: ciò si realizza quando 35

Anteprima della Tesi di Alessandro Misiti

Anteprima della tesi: La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Misiti Contatta »

Composta da 300 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11694 click dal 31/03/2005.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.