Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"La tragédienne du silence". Ida Rubinstein e le musiche di scena per "La Pisanelle" di Gabriele d'Annunzio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Una svolta decisiva nell’evoluzione del melologo la portò Jiři AntonÍn Benda, musicista di origine ceca e formazione tedesca, il quale nei suoi due capolavori del 1775, Ariadne auf Naxos e Medea und Jason iniziò a sovrapporre la recitazione alla musica, andando oltre alla semplice giustapposizione praticata da Rousseau: in questo modo incominciano ad essere più stretti, quasi cogenti, i legami fra i valori musicali della parola in sé e la musica, tanto più se la declamazione è segnata in partitura con precisione, cioè – almeno in questo periodo storico – nei suoi valori ritmici. I lavori di Benda ebbero grande successo nella cultura tedesca, quanto – e più – l’esempio di Rousseau nel mondo francese (mentre l’Italia rimane fuori, per la presenza totalizzante del melodramma), e costituirono un esempio luminoso per Mozart, che li vide nel 1778 a Mannheim, per poi entrare in trattativa per comporne uno egli stesso (Semiramis). Se il progetto non andò poi a buon fine, altri due lavori del salisburghese contengono numeri di melologo, ossia Zaide e Thamos, König in Ägypten. Non è difficile dunque capire come, con questi presupposti, la tecnica del melologo si inserì naturalmente, in epoca romantica, nei generi teatrali “misti” tedeschi (Singspiel) e francesi (opéra-comique), proprio come elemento di transizione fra il canto e la musica 7 , come già aveva teorizzato Mozart, il quale affermava che il melologo «dovesse prendere il posto del recitativo e che, soltanto nei momenti di accesa tensione emotiva, il parlato dovesse sciogliersi in canto» 8 : esempio famoso di questo procedimento è nel Fidelio di Beethoven, nella cui terza versione (1814) vi è un melologo di eccezionale forza e tensione drammatica. 9 Ed è proprio con Beethoven che inizia una tradizione continua e coerente di musiche di scena, cioè di quel genere di composizione che comprende anche la Pisanelle di Pizzetti: si ricordino almeno – sempre di Beethoven – l’Egmont (1809- 1810), König Stephan oder Ungarns erster Wohlthäter (1811) e Die Ruinen von Athen (1811-1812). Ma – come afferma Giovanni Carli Ballola – «si può dire che in questi anni eroici della cultura tedesca non ci sia stato compositore che non abbia lasciato musiche di scena a commento di drammi di autori illustri od oscuri» 10 ; senza perdersi in eccessivi dettagli, vanno però ricordate, verso una tendenza «più espressiva e narrativa» 11 , almeno il Sommernachtstraum di Mendelssohn (1843) e il Manfred di Schumann (1852) – 7 Sull’argomento cfr. C. SCARTON, Il melologo, cit., pp. 91 sgg. 8 Ivi, p. 92. 9 Atto secondo, scena seconda, numero 12. 10 Cit. da GIOVANNI CARLI BALLOLA, Beethoven, Milano, Rusconi, 1985, p. 374. 11 Cit. da EMILIO SALA, Le musiche di scena e la drammaturgia musicale: problemi e prospettive, in «Drammaturgia», n. 10, 2003.

Anteprima della Tesi di Nicola Corrado Cattò

Anteprima della tesi: "La tragédienne du silence". Ida Rubinstein e le musiche di scena per "La Pisanelle" di Gabriele d'Annunzio, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Nicola Corrado Cattò Contatta »

Composta da 276 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2219 click dal 06/04/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.