Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"La tragédienne du silence". Ida Rubinstein e le musiche di scena per "La Pisanelle" di Gabriele d'Annunzio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 musicista bergamasco – è pur vero che lo spettacolo (nel suo complesso, non solo la musica) di Pizzetti La Sacra Rappresentazione di Santa Uliva allestita nel chiostro di Santa Croce a Firenze fu memorabile, per suggestioni, per «il gioco mutevole di pitture, suoni, recitazioni», dove «c’era spazio per tutto: per la musica, la pittura, la poesia»; ma si è trattato di un’occasione effimera. Eppure uno spettacolo riuscito «non offre nulla intorno alla definizione di un genere inesistente, intorno alle sue eventuali e ipotetiche ragioni di vita». Davvero, a questa ultima affermazione non occorre aggiungere altro, tanto è palese la contraddizione interna. Ma nonostante questi severi strali censori, Gavazzeni ha parole assai lusinghiere per la Pisanelle: infatti, a suo avviso, nelle «musiche di scena» di Pizzetti quelle della Pisanella rimangono un avvenimento unico e costituiscono, nelle loro pittoresche riuscite, un riferimento costante. La pazzia della «musica di scena» può essere persino dimenticata. C’è lo spartito musicale a proporre e ad imporre la misura e le giustificazioni. Ed esse sono tali da poter rispondere a qualunque domanda. 29 Il che vuol dire che se l’esito è stato di alto livello artistico, ciò è avvenuto solo grazie a una partitura di livello tale da fare obliare l’assurdità del genere. Certo, rimangono difficili da accettare, nell’ottica di Gavazzeni, tutte queste eccezioni alla severa condanna di partenza: prima la Santa Uliva, ora la Pisanella; che il genere non sia proprio da buttare? Eppure anche Pizzetti, nei suoi scritti teorici 30 – invero non di livello pari alla sua produzione musicale – non sembra discostarsi poi molto dalla posizione di Gavazzeni: ma leggendo a fondo i saggi La musica delle parole (1934) e La “musica di scena” 31 capiamo che il discorso è diverso. Innanzitutto egli fa una sottile distinzione fra “suono” e musica, parlando della parola: 29 Ivi, p. 175. 30 Vanno ricordate almeno le due sillogi di saggi: Musica e dramma, s.l. [ma Roma], edizioni della Bussola, 1945 e Intermezzi critici, Firenze, Vallecchi editore, s.d. [ma 1914]. 31 Entrambi contenuti in ILDEBRANDO PIZZETTI, Musica e dramma, cit.

Anteprima della Tesi di Nicola Corrado Cattò

Anteprima della tesi: "La tragédienne du silence". Ida Rubinstein e le musiche di scena per "La Pisanelle" di Gabriele d'Annunzio, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Nicola Corrado Cattò Contatta »

Composta da 276 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2219 click dal 06/04/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.