La trasformazione dei prodotti agricoli: Interventi del P.O.R. Puglia 2000-2006

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 cui era tradizionale produttrice, dall'altro potè beneficiare di possibili sbocchi per i prodotti non agricoli. Un mercato comune agricolo fu inoltre un passaggio necessario per la costruzione di un mercato comune generale, irrimediabilmente distorto nel caso in cui fossero rimasti differenti livelli di prezzi agricoli. I principi su esposti sono stati ripresi nei Trattati di Roma (1957) e chiariti nell'art.2 mediante le realizzazioni esplicitate nell'art. 3: (a) l'abolizione, tra gli Stati membri, dei dazi doganali e delle restrizioni quantitative all'entrata e all'uscita delle merci (b) un mercato interno caratterizzato dall'eliminazione, fra gli Stati membri, degli ostacoli alla libera circolazione delle merci, delle persone, dei servizi e dei capitali; (c) misure relative all'entrata e alla circolazione delle persone nel mercato interno (d) una politica comune nei settori dell'agricoltura e della pesca; (e) una politica comune nel settore dei trasporti; (f) un regime inteso a garantire che la concorrenza non sia falsata nel mercato interno; (g) il ravvicinamento delle legislazioni nella misura necessaria al funzionamento del mercato comune; (h) una politica nel settore sociale comprendente un Fondo sociale europeo; (i) l'istituzione di una Banca europea per gli investimenti. Secondo quanto espresso nell'art. 39 le finalità e gli obiettivi della politica agricola si ampliarono e divennero i seguenti: (a) incrementare la produttività dell'agricoltura, sviluppando il progresso tecnico, assicurando lo sviluppo razionale della produzione agricola come pure un impiego migliore dei fattori di produzione, in particolare della manodopera, (b) assicurare così un tenore di vita equo alla popolazione agricola, grazie in particolare al miglioramento del reddito individuale di coloro che lavorano nell'agricoltura, (c) stabilizzare i mercati, (d) garantire la sicurezza degli approvvigionamenti, (e) assicurare prezzi ragionevoli nelle consegne ai consumatori. I limiti degli articoli dei Trattati risiedevano in una mancata delineazione puntuale di mezzi e strumenti di intervento, chiariti soltanto negli anni Sessanta. Furono proprio la necessità di delineare linee direttrici della Politica agricola

Anteprima della Tesi di Fabio Gaetano Santeramo

Anteprima della tesi: La trasformazione dei prodotti agricoli: Interventi del P.O.R. Puglia 2000-2006, Pagina 7

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Fabio Gaetano Santeramo Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3764 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.