Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il commercio equo e solidale: una prassi pedagogico-sociale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Prima di discutere su principi e metodi della Pedagogia Sociale è necessario interrogarsi sul Principio Solidale come legittimo fondamento di questa “scienza di frontiera”, caratterizzata dall’impegno a favore dei più deboli. 1.1 L’IMPORTANZA DEL COMMERCIO EQUO NEL DIBATTITO PEDAGOGICO-SOCIALE “Non ha mai studiato queste cose perché le fanno paura. Come le fa paura andare al fondo della geografia. Nel nostro libro c’era tutto fuorché la fame, i monopoli, i sistemi politici, il razzismo.” 1 Queste parole tratte dall’opera “Lettera a una professoressa” rappresentano un’accusa manifesta al sistema scolastico degli anni 60’. Attraverso questo e numerosi altri messaggi del libro, Don Milani denuncia i limiti di una pedagogia elitaria, troppo tradizionale, interprete di una cultura superata, assolutamente priva di contatto con la realtà sociale. Il ruolo di Don Milani nel panorama storico-pedagogico è significativo. Egli, infatti, non si limita esclusivamente ad una critica distruttiva del sistema scolastico del dopoguerra, ma “coglie con straordinaria sensibilità alcuni temi sociali dell’educazione: il tema delle differenze tra i gruppi sociali, l’emarginazione, lo svantaggio culturale,la difficoltà di apprendimento, la devianza.” 2 La riflessione, dunque, si sposta sulla Pedagogia Sociale, sull’attenzione che essa dedica a queste e moltissime altre problematiche sociali, ma, soprattutto, sul suo ruolo di interlocutrice con scuola ed altre agenzie formative del territorio. Infatti la Pedagogia Sociale, secondo il punto di vista di V. Sarracino, “mentre, si preoccupa di fornire (…) indicazioni etiche, sociali, politiche,economiche e culturali che valgano a delineare il profilo (…) di un cittadino che partecipi attivamente alla realizzazione del bene comune, non si astiene dall’indicare di volta in volta, alle istituzioni scolastiche e formative deputate allo scopo e agli operatori che in esse operano da un lato, e alle comunità locali nel loro complesso, dall’altro, quali debbano essere i temi prioritari da 1 Scuola di Barbiana “Lettera a una professoressa”, Firenze, Libreria Editrice Fiorentina, pg. 124 2 A. Gramigna “Manuale di Pedagogia Sociale”, Roma, Armando Editore, 2003, pg.58

Anteprima della Tesi di Laura Vernizzi

Anteprima della tesi: Il commercio equo e solidale: una prassi pedagogico-sociale, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Vernizzi Contatta »

Composta da 171 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2787 click dal 31/03/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.