Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di valorizzazione di un centro storico: il caso Pentidattilo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. Analisi del territorio Il territorio preso in esame è costituito da una serie di centri storici, costruiti in posizione difensiva per proteggere gli abitanti dalle incursioni, mimetizzati nel paesaggio, quasi invisibili dalla costa, questi centri hanno un dominio visivo sul territorio circostante fino al mare. Alcuni studiosi individuano le ragioni di tale posizione geografica non tanto in un bisogno difensivo o bellico, quanto nella possibilità di un più facile approvvigionamento idrico in prossimità delle fonti sorgive e di tutela dalla malaria che infestava le zone paludose costiere. A rendere estremamente frastagliato il sistema territoriale, intervengono anche le numerose “fiumare”, cioè i corsi d'acqua a carattere torrentizio, che solcano l'entroterra creando profondi avvallamenti nel suolo. Si può affermare che le fiumare hanno determinato un “modello insediativo a pettine” connesso al binomio valli-fiumare; infatti la gran parte dei centri sorge a ridosso di questi bacini idrografici e le vie di comunicazione stradali costeggiano in posizione parallela i loro alvei. È quindi evidente l'enorme importanza che questi corsi d'acqua hanno svolto nella vita delle comunità locali: sono stati un agente separatore tra i diversi centri, ognuno visibile dall'altro ma separato dalla vallata, per alcuni periodi dell'anno impraticabile per periodi di piena; hanno costituito anche un polo di attrazione per numerose attività economiche in quanto assicuravano l'irrigazione delle coltivazioni, a volte impiantate sul loro greto con opere di ingegneria idraulica molto audaci che consentivano di sfruttare l'energia potenziale delle acque per il funzionamento di mulini e frantoi fino ai primi decenni del secolo scorso. Tale territorio si è rivelato, nei secoli, disagevole ed orograficamente tormentato da eventi distruttivi (terremoti, alluvioni, frane, etc.). La morfologia presenta caratteristiche particolari per cui i versanti troppo acclivi e interrotti da movimenti del terreno, non hanno reso possibile 8

Anteprima della Tesi di Daniele Campolo

Anteprima della tesi: Progetto di valorizzazione di un centro storico: il caso Pentidattilo, Pagina 6

Tesi di Master

Autore: Daniele Campolo Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6495 click dal 05/04/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.