Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetto di valorizzazione di un centro storico: il caso Pentidattilo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

l'insediamento umano “continuo” con agricoltura intensiva e agglomerati urbani di dimensioni ampi. Questa tipologia insediativi ha caratterizzato, per gli stessi motivi, anche il borgo di Pentidattilo. 1.1. Note storiche Fondato probabilmente da una colonia di greci calcidesi (gli stessi che fondarono Reggio Calabria), Pentidattilo si sviluppò durante il fenomeno di migrazione interna dalle coste verso luoghi più alti e sicuri che caratterizzò la storia di molti centri calabresi, a partire dal 640 a.C.. In epoca romana, col vicino Montebello, fece parte di un sistema difensivo atto a sorvegliare l’accesso della fiumara S.Elia, via privilegiata per l’Aspromonte. Caduto l’impero romano, gli insediamenti lungo la costa furono abbandonati, divenuti luoghi insicuri per via dei pirati che terrorizzavano con selvagge scorrerie il Mar Jonio, Pentidattilo con la sua fortezza divenne luogo sicuro. Nel VI secolo iniziò il dominio bizantino, per durare fino all’XI secolo quando arrivarono i normanni. Sotto la dominazione bizantina e la colonizzazione monastica basiliana, in particolare tra il IX e il XII secolo, si consolidò l'organizzazione ecclesiastica e vennero fondati numerosi edifici di culto, la maggior parte dei quali andarono distrutti. In particolare dal 1282 sotto il possesso dell’Archimandrita del S.S. Salvatore di Messina, durante la guerra del vespro, la città fortificata fece parte del sistema difensivo del Regno e della Calabria fin quando nel 1302 non fu invaso dagli Almugaveri (mercenari teutonici) che occuparono il castello. Intorno alla fine del XV secolo Pentedattilo fu feudo, prima dei Francoperta di Reggio, poi degli Alberti di Messina. Molte chiese ed opere civili vennero edificate sotto la Baronia degli Alberti, ai quali si deve anche la fondazione del paese di Melito Porto Salvo. A questo periodo risale anche 9

Anteprima della Tesi di Daniele Campolo

Anteprima della tesi: Progetto di valorizzazione di un centro storico: il caso Pentidattilo, Pagina 7

Tesi di Master

Autore: Daniele Campolo Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6495 click dal 05/04/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.