Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le funzioni penali del Giudice di Pace. Un'indagine esplorativa nel distretto di Oristano

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Una riforma “rivoluzionaria” 15 Legge delega in cui si prevede il trattamento di reati “per i quali non sussistono particolari difficoltà interpretative o non ricorre, di regola, la necessità di procedere ad indagini o a valutazioni complesse in fatto o in diritto e per i quali è possibile l’eliminazione delle conseguenze dannose del reato anche attraverso le restituzioni o il risarcimento del danno”; altri due criteri sono quelli indicati alle lettere a) e c) del suddetto comma e riguardano, rispettivamente, la scelta dei reati sulla base dell’entità della pena per essi prevista dal codice penale 6 e l’esclusione dei reati rientranti nell’ambito delle violazioni finanziarie 7 . Bronzo e Gallucci affermano che due sembrano le principali direttrici seguite nella selezione di queste competenze: «in primo luogo, si avverte l’attenzione ad evitare - dati il carattere non professionale del giudicante e la semplificazione dei moduli procedimentali - fattispecie per le quali l’accertamento giudiziale si presenti particolarmente “impegnativo”; […] In secondo luogo, a caratterizzare la competenza del giudice di pace è la circostanza che, tendenzialmente, le fattispecie devolute esprimono situazioni riconducibili all’area della “microconflittualità interindividuale”: esemplari, da questo punto di vista, i delitti minori contro la persona (percosse e lesioni lievissime) o l’onore (ingiurie e diffamazioni non aggravate)». (Bronzo, Gallucci, 2000, pp. 39-40) Si può osservare che rispetto alla quantità di infrazioni “minori” perseguibili penalmente quello dei reati devoluti alla competenza penale dei giudici di pace è un elenco abbastanza contenuto; per spiegare le ragioni di questo fatto facciamo ancora riferimento a Bronzo e Gallucci i quali fanno notare che, principalmente, il nuovo circuito penale è destinato ad un periodo di 6 a) “reati puniti con una pena detentiva non superiore nel massimo a quattro mesi, ovvero con una pena pecuniaria sola o congiunta alla predetta pena, ad eccezione di quelli che nelle ipotesi aggravate sono puniti con una pena detentiva superiore a quella suindicata;” 7 b) “reati che non rientrano in taluna delle materie indicate nell’articolo 34 della Legge 24 novembre 1981, n. 689, ovvero nell’ambito delle violazioni finanziarie.”

Anteprima della Tesi di Maria Francesca Mele

Anteprima della tesi: Le funzioni penali del Giudice di Pace. Un'indagine esplorativa nel distretto di Oristano, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Francesca Mele Contatta »

Composta da 314 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1923 click dal 06/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.