Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Cipro: oltre la mediazione. Un trentennio di fallimenti e la speranza di un compromesso europeo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 3 Cyprus (TRNC). A partire dal 1983 l’accettazione della politica di peacemaking messa in atto dall’ONU non fu posta in discussione: ormai era diventata un’“istituzione” ed entrambi i contendenti confidavano nel suo proseguimento, anche indefinitamente. Tra il 1994 ed il 1996 i negoziati non progredirono, dal momento che le parti intendevano mantenere le proprie posizioni di fondo e temevano che i colloqui potessero andare a detrimento delle stesse richieste di base. La United Nations Peacekeeping Force in Cyprus (UNFICYP) diventò un fattore critico nel mantenimento dello status quo in questo periodo, poiché da un lato ritardò il raggiungimento di una soluzione politica durevole, dall’altro prevenne una nuova escalation delle violenze. Nel terzo capitolo si ripercorre l’approccio diplomatico adottato dalla NATO, principalmente attraverso le decisioni strategico-militari assunte dagli Stati Uniti. A partire dalla proclamazione della Dottrina Truman il 12 marzo 1947, gli Stati Uniti abbandonarono il loro tradizionale isolazionismo, segnalando la propria determinazione a procedere ad un contenimento su scala globale dell’Unione Sovietica e Grecia e Turchia diventarono i veicoli dimostrativi di tale determinazione. Attraverso lo stanziamento di aiuti economici e militari per un totale di 400 milioni di dollari e l’avvio del Greek-Turkish Aid Program, i due paesi diventarono due pedine fondamentali nella battaglia contro l’espansionismo sovietico. La questione cipriota diventò un problema per la NATO in seguito ai fatti del 1963, quando il governo turco si schierò a favore delle proteste turco-cipriote contro i 13 Punti proposti da Makàrios e lo scoppio delle violenze intercomunitarie portò i due alleati-nemici alle soglie di una guerra. Solo l’intervento in extremis del presidente statunitense Lyndon Johnson attraverso una celebre lettera scongiurò uno scontro che pareva ormai inevitabile, ma la tensione risalì nuovamente nel giro di pochi mesi.

Anteprima della Tesi di Manuela Moy

Anteprima della tesi: Cipro: oltre la mediazione. Un trentennio di fallimenti e la speranza di un compromesso europeo, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Manuela Moy Contatta »

Composta da 349 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2198 click dal 07/04/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.