Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Acli di Cremona e della sua provincia nel secondo dopoguerra

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

morte” 49 . Il tutto in modo autonomo dall’Azione Cattolica, con cui si mantennero in ogni caso rapporti di collaborazione e di intesa 50 , e con l’approvazione della gerarchia ecclesiastica, visto che lo stesso Pio XII, citato nell’articolo da Storchi, aveva esaltato l’opera di queste indispensabili “cellule dell’apostolato cristiano moderno” 51 volte a mantenere vivo “nel mondo del lavoro il fondamento religioso e morale della vita in una maniera sempre adatta alle particolari circostanze di ogni tempo” 52 ed a creare inoltre “veri apostoli, lavoratori fattisi apostoli dei loro compagni” 53 . 1.3 L’organizzazione della struttura provinciale Formalmente costituito il Comitato provinciale con l’elezione del Consiglio direttivo provvisorio, il compito principale delle Acli consistette nel dotarsi di una precisa struttura, obiettivo non certo facile ma indispensabile per la realizzazione concreta degli scopi che le Acli si prefiggevano. Lo sforzo organizzativo messo in atto è ben documentato dai verbali delle sedute del Consiglio, in cui più volte venne affrontato il problema dell’organizzazione della sede provinciale, partendo dal personale necessario (individuato in un direttore, un applicato ed un fattorino 54 ) per arrivare al reperimento dei mobili e della legna per il riscaldamento 55 ed alla costituzione del Consiglio direttivo del patronato 56 . Sul buon risultato delle azioni messe in campo nel corso del primo anno di attività si possono consultare le relazioni predisposte, su apposita richiesta del centro nazionale, dal segretario della sede provinciale Zerbi e da quello della sede diocesana di Crema Calzi in vista del I Congresso nazionale 49 Ibidem. 50 Cfr. ibidem. 51 Ibidem. 52 Ibidem. 53 Ibidem. 54 Cfr. AA Cr, Registro dei verbali di Consiglio, n°1, verbale del 23 agosto 1945. 55 Cfr. AA Cr, Registro dei verbali di Consiglio, n°1, verbale del 6 settembre 1945. 56 Cfr. AA Cr, Registro dei verbali di Consiglio, n°1, verbale del 14 dicembre 1945. 31

Anteprima della Tesi di Simone Riboldi

Anteprima della tesi: Le Acli di Cremona e della sua provincia nel secondo dopoguerra, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Simone Riboldi Contatta »

Composta da 334 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 651 click dal 08/04/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.