Potenzialità dei biocombustibili solidi nelle province italiane

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Il contesto globale dello sviluppo della bio-energia Le fonti energetiche rinnovabili non sono ancora pienamente sfruttate nei paesi della Unione Europea: il potenziale è considerevole, ma attualmente esse contribuiscono in maniera minima (meno del 6%) al consumo energetico globale EU. Si attende che possano crescere sensibilmente in futuro, anche per soddisfare gli impegni di protezione ambientale sia a livello europeo che mondiale e possano contribuire agli obiettivi di Kyoto e del White Paper della CE, consistenti rispettivamente nella riduzione delle emissioni di gas serra di una quota pari all’8% tra il 2008 e il 20012 e nel raddoppio della quota dell’uso dell’energie rinnovabili dal 6% al 12%, nel bilancio energetico entro il 2010. Le fonti energetiche rinnovabili possono inoltre contribuire a ridurre la dipendenza dalle importazioni di energia incrementando quindi la sicurezza della fornitura energetica, contribuire a creare nuovi posti di lavoro e favorire lo sviluppo locale. All’interno di questo scenario un ruolo fondamentale sarà sicuramente giocato dalla bio-energia. Per quanto concerne l’attività svolta a livello di Unione Europea a sostegno delle fonti energetiche rinnovabili e delle biomasse, il principale atto normativo può essere individuato nella Direttiva 2001/77/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, sulla promozione dell’energia elettrica, prodotta da fonti energetiche rinnovabili. Tale direttiva è stata recepita dal Governo italiano con il D.L. n. 387 del 19 dicembre 2003 DPMC. Inoltre, e relativamente alle sole biomasse, il più importante e recente atto normativo è costituito dal DPCM dell’8 marzo 2002 e dal successivo DPCM dell’8 ottobre 2004. Obiettivo della direttiva E-FER, 2001/77/CE, è la promozione attiva delle fonti energetiche rinnovabili per la produzione di energia elettrica, tenendo conto che nessuna forma energetica – carbone, petrolio o nucleare – è mai stata sviluppata senza il forte sostegno delle pubbliche autorità, anche se ci sono ovvi benefici nell’utilizzo delle rinnovabili, poiché sono : ξ pulite, in quanto riducono l’inquinamento che deturpa le nostre città e le nostre campagne; ξ sostenibili, perché rinnovabili e perché non contribuiscono all’accumulo dei gas ad effetto serra, gas che contribuiscono al cambiamento climatico;

Anteprima della Tesi di Felice Lucia

Anteprima della tesi: Potenzialità dei biocombustibili solidi nelle province italiane, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Felice Lucia Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2022 click dal 08/07/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.