Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Intese restrittive della concorrenza e accordi di distribuzione selettiva

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Uniti esso rappresenta un’alternativa alla grossa distribuzione, in Europa accade esattamente il contrario, ossia sono le grosse catene di distribuzione che vi ricorrono al fine di espandersi e penetrare in mercati in cui sarebbe difficile, o comunque antieconomico entrare direttamente. Tuttavia si deve notare come sia abbastanza difficile dare una definizione unica ed uniforme di franchising, in quanto esso assume differenti peculiarità in ciascun Stato, dove è stato adattato alle proprie esigenze di mercato e a quelle dei consumatori, e alle disposizioni del proprio ordinamento giuridico. A ciò si aggiunga che rappresenta un contratto non soltanto atipico, ma anche complesso. Ciò significa che tale istituto non è regolamentato da una disciplina giuridica organica, e non è riconducibile a nessun tipo di contratto, legale o sociale che sia. Di conseguenza non esiste una vera e propria disciplina legale di tale contratto, e su ciò gli orientamenti sono pacifici. Ma è oggetto di ampie discussioni se il franchising sia un tipo sociale

Anteprima della Tesi di Antonio Lo Iacono

Anteprima della tesi: Intese restrittive della concorrenza e accordi di distribuzione selettiva, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonio Lo Iacono Contatta »

Composta da 139 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3634 click dal 07/04/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.