Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondi comuni azionari e obbligazionari: analisi delle performance

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

gestione e affidato ad un terzo soggetto è una garanzia per l'investitore. Gli amministratori della Sgr devono inoltre possedere determinati requisiti di professionalità e onorabilità. La banca depositaria, infine, svolge un'altra importante funzione di garanzia su tutte le operazioni effettuate dalla Sgr. Oltre a questi soggetti vi sono anche la Consob e la Banca D’Italia che operano un severo controllo sul funzionamento dei fondi. La Banca controlla gli investimenti effettuati dalla Sgr, approva i regolamenti dei singoli fondi e stabilisce i criteri di valutazione delle quote dei fondi, controllandone il rispetto. La CONSOB (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa) ha una funzione di controllo maggiormente indirizzata all'informazione fornita dalle società: vigila costantemente sulle dichiarazioni rese ai risparmiatori e si occupa delle offerte pubbliche di acquisto e vendita. In altre parole obbliga tutte le Sgr che svolgono attività per le clientela a rispettare una serie di regole di trasparenza, completezza e uniformità. 1.1.5 - CLASSIFICAZIONE La vasta gamma di fondi comuni d’investimento esistenti può essere meglio compresa tramite la loro classificazione in categorie omogenee. Tale esigenza si pone non solo "a posteriori" al fine di effettuare corrette analisi sulle performance ottenute dai gestori professionali, ma anche nella fase antecedente la sottoscrizione dei prodotti di risparmio gestito. Infatti la classificazione dei fondi comuni ha l’importante funzione di favorire una prima conoscenza da parte dell’investitore delle caratteristiche dei vari strumenti finanziari (rendimento atteso, livello di rischio, orizzonte temporale). La classificazione di tali strumenti finanziari non è rimasta stabile dalla nascita dell’industria ad oggi, ma ha subito numerose modifiche in seguito all’evoluzione delle caratteristiche dei prodotti e del contesto normativo del mercato del risparmio gestito. L’iniziale classificazione effettuata nel 1984 17

Anteprima della Tesi di Elisa Battistini

Anteprima della tesi: Fondi comuni azionari e obbligazionari: analisi delle performance, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Elisa Battistini Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2459 click dal 07/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.