Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondi comuni azionari e obbligazionari: analisi delle performance

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- Gestione professionale del risparmio: i gestori dei fondi hanno dettagliate conoscenze dei mercati quindi sono in grado di contenere le perdite nelle fasi di discesa del mercato; - Diversificazione: il fondo assicura un frazionamento del rischio mediante una suddivisione degli investimenti in diverse attività finanziarie. La diversificazione si riflette nella possibilità di accedere a qualsiasi mercato; - Sicurezza del capitale investito: i sottoscrittori sono sicuri del denaro investito in quanto i fondi sono regolamentati e sottoposti al sistema di controllo e vigilanza presieduto dalla Consob e dalla Banca d’Italia; - Accessibilità: chiunque può acquistare quote di un fondo disponendo di capitali di modesta entità, quindi anche il piccolo risparmiatore può accedervi; - Liquidabilità: i fondi sono facili da smobilizzare, cioè il sottoscrittore può acquistarli e rivenderli senza esser costretto ad aspettare lunghi periodi; Naturalmente ciò non significa che i fondi comuni siano esenti da costi; tali spese, che includono ad esempio commissioni di ingresso, di uscita, di incentivo, sono talvolta ritenute troppo alte. I costi più criticati sono le commissioni di performance o di incentivo, spese che il sottoscrittore del fondo deve pagare al gestore nel caso riesca ad ottenere risultati superiori a un portafoglio di riferimento. Tale parametro, chiamato tecnicamente benchmark, rappresenta l’andamento del mercato di riferimento e indica il profilo di rischio e rendimento del prodotto finanziario offerto. Spiegazioni più approfondite su tale parametro saranno affrontate alla fine del Capitolo 1. L’importanza di una buona specificazione del benchmark consente di aiutare il cliente ad effettuare la scelta migliore in base alle sue esigenze e permette di mantenere un buon rapporto fiduciario tra l’investitore e il venditore. Per questo tale portafoglio deve rispettare determinati proprietà, la cui più importante è sicuramente la rappresentatività. L’obbligo di dichiarazione del benchmark è stato 5

Anteprima della Tesi di Elisa Battistini

Anteprima della tesi: Fondi comuni azionari e obbligazionari: analisi delle performance, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Elisa Battistini Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2459 click dal 07/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.