Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il knowledge management nella distribuzione moderna: strumenti e soluzioni di business intelligence

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Boom anche per i software di gestione della conoscenza (knowledge management) che, sempre per Idc, cresceranno di oltre il 30% all'anno. Con l'aumento del numero dei canali informativi l'azienda cessa di essere una struttura monolitica autoreferenziata ma si apre verso l'esterno, "agganciandosi" ai partners e ai clienti. La situazione diventa ancora più complessa con la diffusione delle tecnologie wireless. Se tutta la capacità di elaborazione e comunicazione di un personal computer connesso alla rete aziendale potesse essere trasportata ovunque, l'ufficio avrebbe perso una buona parte della sua utilità, almeno per tutti i professionisti delle vendite, delle relazioni con partners e fornitori, per i ricercatori, i giornalisti freelance e per molti altri lavoratori nomadi. 1 Ogni dato ha un valore che non deriva dal dato in sé ma piuttosto dal modo in cui l’azienda se ne avvale per facilitare la propria attività quotidiana. Il valore dei dati non sta nel possederli, ma nel farne buon uso, il valore si accresce con il numero di utenti, in quanto ciascun individuo non solo ricava il proprio valore personale, ma scambia con altri le conoscenze di cui è venuto in possesso. Non è facile definire una formula per calcolare il valore dell’informazione, ma si può definire una funzione del numero di utenti che possono accedere a quell’informazione e analizzarla, e del numero di aree a cui questi utenti appartengono: Valore (informazione) = Utenti 2 x Aree di business Si usa il quadrato del numero di utenti ispirandosi alla legge di Metcalfe per le reti (tanto più è elevato il numero delle unità connesse, tanto maggiore è il numero delle interazioni possibili e di conseguenza il valore potenziale di questi elementi interconnessi cresce in maniera esponenziale). 1 La soluzione che più si avvicina a questa situazione è quella del notebook con antennina Wi-Fi in un territorio nel quale è disponibile un punto di accesso wireless alla Rete. Il boom del fenomeno all'interno delle aziende è già cominciato anche in Italia, nonostante i freni posti dai timori per la sicurezza, si tratta di un sistema comodo per entrare in rete.

Anteprima della Tesi di Gesualdo Gulino

Anteprima della tesi: Il knowledge management nella distribuzione moderna: strumenti e soluzioni di business intelligence, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gesualdo Gulino Contatta »

Composta da 339 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5047 click dal 11/04/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.