Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interesse a ricorrere nel giudizio di legittimità costituzionale in via principale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 giudice. La valutazione e l’accertamento di tale interesse non solo andranno compiuti in via preliminare, ma dovranno prescindere dall’esame del merito della controversia o comunque da qualsiasi esame sull’ammissibilità della domanda sotto altri e diversi profili 5 . L’indagine compiuta dal giudice si risolve, quindi, in una verifica sull’idoneità astratta della pronuncia richiesta al conseguimento del risultato utile sperato, non altrimenti conseguibile se non con l’intervento del giudice medesimo e deve distinguersi dalla valutazione relativa al diritto sostanziale fatto valere in giudizio: in quest’ultimo caso, infatti, rileva la diversa questione dell’effettiva conformità alla norma sostanziale dell’effetto giuridico richiesto 6 . Con specifico riferimento ai giudizi che si svolgono innanzi ai giudici amministrativi, la giurisprudenza ha precisato 7 che l’interesse ad agire, previsto quale condizione dell’azione dall’articolo 100 c.p.c., si identifica in una condizione di carattere oggettivo ed attuale derivante da un fatto lesivo – inteso in senso ampio – del diritto che, senza il processo e l’esercizio della giurisdizione, produrrebbe un danno al titolare del diritto stesso. Anche nel processo amministrativo, 5 Cfr. Cassazione, 4 aprile 2001, n. 4984. Nelle sentenze n. 2000 del 1970 e n. 1634 del 1970, rese dalla Corte di Cassazione a sezioni unite, si sottolinea in particolare che l’esame sulla sussistenza dell’interesse ad agire è diretto a statuire non se il giudice adito possa conoscere della causa, ma soltanto se la pretesa sia proponibile; si nega in tal modo che l’accertamento compiuto dal giudice configuri una questione di giurisdizione. 6 In questo senso, Cass. 4 aprile 2001, n. 4984. 7 Cfr. in questo senso Cons. St., Sez III, 19 maggio 1998, in Cons. St, 1999, I, 548.

Anteprima della Tesi di Annamaria Cannella

Anteprima della tesi: L'interesse a ricorrere nel giudizio di legittimità costituzionale in via principale, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Annamaria Cannella Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2822 click dal 11/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.