Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le lotte per l'emancipazione della donna: dall'età giolittiana al secondo dopoguerra

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 nendo,da un lato il protezionismo ed iniziando,dall’altro,un’azione di sostegno statale all’industria mediante commesse ed operazioni bancarie.Con queste direttive egli ten- tò di sconfessare il vecchio teorema della somma zero secondo cui al vantaggio di u- no deve inevitabilmente corrispondere lo svantaggio di un altro.Giolitti invece ambi- va a realizzare un livello di benessere che fosse accessibile a tutti.Così si spiegano il suo atteggiamento tollerante verso il movimento operaio e gli scioperi per motivi eco- nomici e salariali e la sua volontà di dar vita ad una dinamica legislazione sociale. Rientra in quest’ottica l’accordo politico che lo statista piemontese strinse nel 1903 con il leader socialista Filippo Turati,al fine di accoglierne almeno in parte le richie- ste depotenziando così le frange più radicali e rivoluzionarie del movimento opera- io.Contemporaneamente,Giolitti tentò di non scontentare eccessivamente le altri clas- si sociali mediante concessioni che misero in risalto le sue capacità di acrobata ed equilibrista della politica. Paradossalmente, come sottolinea ancora Vittorio Foa,sa- ranno proprio queste capacità a rappresentare l’anello debole della strategia giolit- tiana,fino a decretarne la fine 3 .Giolitti stesso non si accorse che le sue mediazioni andavano al di là dei suoi stessi intenti.Da efficace strumento di composizione dei conflitti di classe esse si trasformarono in altrettanti efficaci strumenti di crescita del- le classi contrapposte,che a lungo andare divennero insofferenti verso i limiti sempre più angusti di quegli equilibri scaturiti proprio da quelle mediazioni.Gli eventi del 1911 forniscono un esempio di quanto detto.Infatti,in quell’anno Giolitti,per soddi- sfare la destra imperialista,decise di scatenare la guerra libica contro la Turchia.Così 3 Ibidem,p.30

Anteprima della Tesi di Marcellino Lombardi

Anteprima della tesi: Le lotte per l'emancipazione della donna: dall'età giolittiana al secondo dopoguerra, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marcellino Lombardi Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 22483 click dal 11/04/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.