Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La posizione del socio lavoratore nelle cooperative di lavoro con particolare riferimento alla mutualità prevalente

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 decisive nelle successive legislature 11 . In questo contesto si inserisce la recentissima riforma del diritto societario entrata in vigore il primo gennaio 2004 12 , la quale, incidendo significativamente sulla legislazione generale, 11 I progetti di riforma ai quali ci si riferisce nel testo sono: il progetto De Marzi, presentato al senato il 27 luglio 1974 con il n. 1739; il progetto ministeriale approvato nel 1975 da un comitato di studiosi istituito presso il Ministero del Lavoro e della previdenza sociale. Nella successiva legislatura, aperta nel 1976, si ebbero tre progetti: il progetto Lombardi, presentato alla camera il 28 luglio 1976 con il n. 167; il progetto Pacini, presentato al Senato il 23 luglio 1976; il progetto Di Marino, presentato al Senato il 29 luglio 1977 con il n. 868. Successivamente sono stati riproposti i progetti Pacini (26 giugno 1976 n. 59) e Lombardo (26 giugno 1976 n. 165).Sono stati inoltre presentati la proposta di legge Cappelloni (21 maggio 1980, n. 1745) che ricalca il precedente progetto Di Marino; la proposta di legge Ravaglia (29 settembre 1980, n. 2034); un progetto elaborato nel 1980 dalla Direzione generale della cooperazione presso il Ministero del Lavoro; e un progetto-parere formulato dalla Commissione centrale delle cooperative il 2 aprile 1982. Vi sono stati poi progetti di riforma che interessano settori specifici di attività cooperativa, soprattutto quelle delle casse rurali e artigiane (v. il disegno di legge Bartolomei, n. 231 e la proposta Lo bianco, n. 972 del 1980, in Giur. Comm., 1980, I, p.522; GATTI, La riforma del testo unico delle casse rurali e artgiane nel quadro della modifica della disciplina della cooperazione di credito, in Dir. Fall., 1982, I, p. 537 ss.; BUONOCORE, Cinquant’anni di testo unico: esperienze e riflessioni, in Banca, impresa, società, 1988, p. 103 ss.). Inoltre, la proposta di legge Piro, presentata alle camere il 5 marzo 1986 con il n. 3547, tendente ad abrogare i commi 2°, 3°, 4°, 5° della’art. 20 del T.U. (sulla quale v. VERRUCOLI, Una proposta di legge in tema di privilegi delle Casse rurali ed artigiane, in Riv. Coop, 1986, p. 128 ss.) 12 Ai sensi dell’articolo 223-duodecies, comma 1, disposizioni di attuazione, Codice civile, le cooperative già costituite alla data di entrata in vigore della legge sono tenute a uniformare l’atto costitutivo e lo statuto alle nuove disposizioni inderogabili entro il 31 dicembre 2004. Peraltro, il rispetto di questo limite temporale è condizione per conservare le agevolazioni fiscali (articolo 223-duodecies, ultimo comma).

Anteprima della Tesi di Ilaria Di Mauro

Anteprima della tesi: La posizione del socio lavoratore nelle cooperative di lavoro con particolare riferimento alla mutualità prevalente, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Ilaria Di Mauro Contatta »

Composta da 265 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9630 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 70 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.