Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Pianoforte come espressione dell'anima: viaggio tra cinema e realtà

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 mi lodava e completava la mia descrizione con l’illustrazione di un chiarissimo schema della meccanica ideata da Cristofori. Benché fosse estremamente semplice, essa conteneva già le parti essenziali della mia meccanica odierna: martelletti articolati, indipendenti dai tasti, forniti di uno scappamento semplice e smorzatori singoli per ogni corda. Con tale meccanica era possibile graduare l’intensità del suono mediante la maggiore o minore forza impressa al martelletto con la pressione sul tasto. Il martelletto ricadeva indietro anche se il tasto rimaneva abbassato; in caso contrario, infatti, esso avrebbe ostacolato la normale vibrazione della corda. Il problema fu risolto appunto con l’applicazione di uno scappamento, all’inizio rudimentale e poi perfezionato nel 1720. Mi aggiunsero il paramartello (una sorta di “freno” che aveva la funzione di rallentare la ricaduta del martelletto dopo avere percosso la corda) e venne perfezionato il sistema degli smorzatori. Alcuni anni dopo un altro costruttore tentò di perfezionarmi con la speranza di ottenere l’appoggio per la fabbricazione. Era il tedesco Christoph Gottlieb Schröter 6 . Le sue richieste, però, non ebbero fortuna. L’appoggio e la fortuna che erano mancati a Cristofori e a Schröter arrisero invece a un altro tedesco, Gottfried tragico italiano con la Merope (1714) (cfr. Scipione Maffei voce in Nuovissima enciclopedia generale, vol. XII, Novara, De Agostini, 1988, p. 181). 6 Christoph Gottlieb Schröter (Hohnstein, Sassonia, 1699 – Nordhausen 1782) organista, compositore teorico e costruttore di strumenti. Rivendicò l’invenzione del pianoforte. La sua vasta produzione è andata completamente perduta (cfr. Schröter Christoph Gottlieb voce in DEUMM. Le Biografie, vol. VII, Torino, UTET, 1985, p. 60).

Anteprima della Tesi di Ombretta Giusto

Anteprima della tesi: Il Pianoforte come espressione dell'anima: viaggio tra cinema e realtà, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Ombretta Giusto Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5415 click dal 28/04/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.