Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Pianoforte come espressione dell'anima: viaggio tra cinema e realtà

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Silbermann 7 , che nella prima metà del secolo XVIII fu uno dei più apprezzati costruttori germanici di clavicembali. Egli mi aveva conosciuto grazie all’articolo del già citato Scipione Maffei e il primo modello di meccanica da lui progettato era una fusione degli elementi derivanti dai disegni di Cristofori e Schröter. In un primo momento non piacqui a Joahnn Sebastian Bach, che rilevò la povertà del suono nel registro acuto e la pesantezza della meccanica. Negli anni seguenti Silbermann migliorò la meccanica e la sonorità e finalmente anche il maestro Bach mi apprezzò. Ma non ebbi immediatamente il successo sperato. Il clavicembalo, infatti, continuò a attirare le attenzioni dei compositori per le sue qualità sonore che si sposavano bene con il carattere cristallino delle composizioni barocche. Intorno alla metà del Settecento l’orientamento generale dei gusti mise in luce una cantabilità più legata e ciò richiese composizioni nelle quali l’intensità dei suoni fosse variabile e graduata: era l’epoca del Pianoforte (io!!!). In questa fase di transizione verso un mondo espressivo nuovo, più semplice e immediato, ebbero una posizione di rilievo due figli di Bach, Johann Christian 8 , le cui Sonate rappresentarono lo stile galante, e, soprattutto, Carl Philipp 7 Gottfried Silbermann (1683 – 1753), ampliata la conoscenza delle tecniche costruttive, realizzò gli organi più illustri del Settecento tedesco, perfezionando il cembalo e il fortepiano di Cristofori (cfr. Silbermann Gottfried voce in DEUMM. Le Biografie, vol. VII, Torino, UTET, 1985, p. 286). 8 Joahnn Christian Bach (Lipsia 1735 – Londra 1782) figlio minore di Joahnn Sebastian Bach. La sua produzione strumentale comprende 60 sinfonie e ouvertures, concerti per pianoforte, musica da camera, sonate altri pezzi per pianoforte. Fu il primo a suonare da solista il pianoforte, allora strumento non comune, e a introdurre i clarinetti in orchestra. La sua musica influenzò Mozart (cfr. Bach Joahnn Christian voce in DEUMM. Le Biografie, vol. I, Torino, UTET, 1985, p. 204).

Anteprima della Tesi di Ombretta Giusto

Anteprima della tesi: Il Pianoforte come espressione dell'anima: viaggio tra cinema e realtà, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Ombretta Giusto Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5415 click dal 28/04/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.