Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il credito al consumo: La fattispecie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 I.1 La nozione di credito al consumo tra disciplina nazionale e disciplina comunitaria La disciplina del credito al consumo, è stata introdotta in Italia in attuazione di direttive comunitarie (dir.87/102/Cee, successivamente modificata dalla dir. 90/88/Cee): a queste ultime è stata data attuazione con gli articoli 18 e seguenti della legge comunitaria del 12/2/1992 n°142. Tali disposizioni sono poi state trasfuse nel testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia (d.lgs.385/93, artt. 121 ss.), emanato in occasione del riordino dell’ordinamento del credito. 1 La disciplina nazionale risente profondamente del modello normativo adottato dal legislatore comunitario, infatti, rimane identica la tecnica disciplinare che procede per via di esclusioni alla delimitazione della fattispecie contrattuale. 2 1 G. ALPA-P.ZATTI,Commentario breve al codice civile e leggi complementari,Tomo II, p. 1895, CEDAM ; 2 A. FRISULLO,Commento all’articolo 121 T.U., Commentario al Testo Unico in materia bancaria e creditizia,a cura di F. CAPRIGLIONE, p .613, prima edizione, CEDAM;

Anteprima della Tesi di Antonella Milillo

Anteprima della tesi: Il credito al consumo: La fattispecie, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonella Milillo Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10530 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.