Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il credito al consumo: La fattispecie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 I.2 I contratti di credito al consumo e la loro delimitazione attraverso le fattispecie escluse Come è stato già accennato nel paragrafo precedente, dall’articolo 121 co. 1 testo unico e dall’articolo 1 della dir. 87/102/Cee, emerge una definizione di credito al consumo molto lata, tale da ricomprendervi diverse tipologie contrattuali. Per poter ben delineare l’ambito oggettivo d’applicazione della disciplina, sia il legislatore comunitario che quello nazionale ricorrono al metodo delle esclusioni. 9 Infatti, in entrambe le fonti, dopo aver definito il contratto di credito al consumo, i legislatori elencano le fattispecie contrattuali alle quali la disciplina in esame non si applica. Le esclusioni si basano su criteri diversi, si va dal criterio quantitativo che esclude ipotesi contrattuali che dato il loro importo non rientrano nei limiti fissati dalla normativa; a criteri qualitativi 9 G.ALPA-P.ZATTI,op.cit. , p. 1895;

Anteprima della Tesi di Antonella Milillo

Anteprima della tesi: Il credito al consumo: La fattispecie, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonella Milillo Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10530 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.