Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I responsabili dell'obbligo di sicurezza nella P.A.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1.1.2 - L’individuazione del datore di lavoro Innanzitutto, nella difficoltà di individuare concretamente tale figura, si deve rilevare l’autonomia della stessa nozione rispetto a quella di imprenditore: l’art. 2082 c.c. qualifica come tale “chi esercita professionalmente una attività economica organizzata al fine della produzione e dello scambio di beni o servizi”. Tuttavia, qui ciò che più interessa è, segnatamente, la considerazione che nel nostro ordinamento ogni soggetto può avvalersi di un’attività lavorativa altrui, anche al di fuori dello schema tecnico dell’impresa: appunto, come massimo esempio, la Pubblica Amministrazione. Parlare di datore di lavoro piuttosto che imprenditore fu quindi una scelta consapevole e necessaria del legislatore prevenzionistico già del ’55. Proprio nella P.A., e in genere là dove si tratti di un’organizzazione complessa in cui la figura del datore di lavoro non sia riconducibile in ultima analisi ad una persona fisica, si vengono a creare, allora, come oggi, i più rilevanti problemi circa l’individuazione del soggetto, o dei soggetti, titolari di un potere “datoriale”. Originariamente l’indirizzo giurisprudenziale fu quello di identificare il datore nel titolare dei poteri di rappresentanza dell’ente, in un ruolo, quindi, solo formalmente assunto 5 . In seguito, si è, negli anni, approdati ad un criterio incentrato sulla verifica dell’effettiva titolarità dei poteri di gestione del luogo di lavoro 6 . Il verbo “esercitare” sembrava indicare, infatti, quel ruolo concreto del soggetto che passa attraverso la titolarità dei poteri d’organizzazione, direzione, vigilanza e gestione, in quanto idonei a consentire, garantendola, l’attuazione delle norme per la prevenzione degli infortuni; norme che, in massima parte, richiedono proprio un alto livello di gestione di risorse, di scelte tecniche, progettuali, organizzative. Ne discendeva, dunque, un ruolo concreto e sostanziale, eventualmente e non necessariamente, coincidente con quello del rappresentante legale. 5 Celestino L. - Datori di lavoro, dirigenti, preposti e responsabilità penale, Diritto e Pratica del lavoro N. 48. 1987, p. 3373 6 Cass. 25 Settembre 1984, in Riv. it. dir. lav. 1986, p. 349

Anteprima della Tesi di Paolo Bizio

Anteprima della tesi: I responsabili dell'obbligo di sicurezza nella P.A., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Paolo Bizio Contatta »

Composta da 128 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3074 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.