Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro flessibile: progresso o recessione? Ricerca empirica nel territorio comasco.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 protezionismo 1 che, fino ad allora, aveva riparato la nostra economia dalla concorrenza estera: l’industria italiana cominciava a registrare un sufficiente livello di sviluppo tecnologico e, aprendosi alla concorrenza estera, ricevette la spinta ad un ulteriore miglioramento che le permise di confrontarsi col mercato degli altri paesi. Anche il basso costo del lavoro contribuì al boom economico: l'alto numero di disoccupati che esisteva in Italia in quegli anni nonché i salari poco elevati furono fattori fondamentali di questa crescita. Infatti, mentre era aumentata la produzione ed erano cresciuti i profitti, i salari avevano conosciuto un incremento assai modesto, il che significava, quindi, costi ridotti per gli imprenditori. L’imponente sviluppo economico venne guidato, inoltre, dalla crescita di settori quali l'industria metalmeccanica e l'industria elettrodomestica. Ma lavatrici, frigoriferi e televisori venivano prodotti soprattutto per l'esportazione, in quanto avevano ancora una scarsa possibilità di vendita sul nostro mercato, il prezzo di questi beni era ancora troppo elevato per i lavoratori italiani e solo in pochi potevano accedervi. 1 Il protezionismo fu uno dei fattori principali che determinarono in Italia, tra Otto e Novecento, la prima vera rivoluzione industriale. Si spiega con il fatto che, negli ultimi decenni del 1800, l'Italia introdusse severe imposte (dazi) cui erano soggette le merci provenienti dall’estero. Le merci straniere, gravate di questi dazi, arrivavano sul mercato italiano a prezzi più alti rispetto a quelli delle stesse merci italiane. Questa protezione dei prodotti nazionali, fece sì che si acquistassero i prodotti italiani, stimolando la produzione, e quindi la crescita, in determinati settori economici.

Anteprima della Tesi di Luisa Fabricatore

Anteprima della tesi: Il lavoro flessibile: progresso o recessione? Ricerca empirica nel territorio comasco., Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Luisa Fabricatore Contatta »

Composta da 302 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5994 click dal 27/04/2005.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.