Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tradizione e innovazione nella trilogia di Chinua Achebe

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Quando Unoka era andato a consultare l’oracolo per capire il perché della sua miseria, la sacerdotessa gli aveva risposto: When a man is at peace with his gods and ancestors, his harvest will be good or bad according to the strength of his arm 21 . Ma Unoka era conosciuto per la sua pigrizia: Okonkwo non ereditò fattorie o granai dal padre e dovette lavorare sodo per una delle persone più ricche e importanti del clan, al quale aveva chiesto in prestito dei semi per impiantare una fattoria. La contrattazione non era stata lunga o umiliante. Nwakibie lo aveva accolto benedicendo lui e i doni che gli aveva portato, un gallo e del vino di palma: You will have what is good for you and I will have what is good for me. Let the kite perch and let the eagle perch too. If one says no to the other, let his wing break 22 ; A man who pays respect to the great paves the way for his own greatness 23 . Dopo che Okonkwo l’ebbe assaggiato come prescrive la tradizione, il vino fu servito accompagnato da chiacchiere su uno degli incisori delle palme, Obiako, che aveva deciso di ritirarsi dal commercio del vino, senza apparente motivo, ma: A toad does not run in the daytime for nothing 24 ; infatti l’Oracolo gli aveva predetto che sarebbe caduto da una palma, procurandosi la morte. Ma Obiako non aveva mai dato grande importanza all’Oracolo. Tempo prima gli era stato chiesto di fare un sacrificio di una capra al padre morto da poco, ma lui si era rifiutato, dicendo che suo padre non aveva mai neanche visto un pollo da vivo. Dalla conversazione allegra si esula Okonkwo, che, ripensando al padre, si trova in imbarazzo: 21 Quando un uomo è in pace con gli dei e con i suoi avi, il suo raccolto sarà buono o cattivo, a seconda della forza del suo braccio. Ibidem, p.17. 22 Tu avrai quel che è buono per te ed io avrò quel che è buono per me. Fate sì che il nibbio stia appollaiato e che anche l’aquila stia appollaiata. Se l’uno dice no all’altro, gli si spezzi l’ala. Ibidem, p. 19. 23 Un uomo che rispetta i grandi prepara il terreno alla sua stessa grandezza. Ibidem, p. 19. 24 Un rospo non corre in pieno giorno senza motivo. Ibidem, p. 20.

Anteprima della Tesi di Silvia Bisagna

Anteprima della tesi: Tradizione e innovazione nella trilogia di Chinua Achebe, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Silvia Bisagna Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8341 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.