Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le ragazze romni fra il campo e l'istituzione chiusa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 nell’Europa centroccidentale si sono diffusi in Germania, Prussia orientale, Polonia, Austria, Slovenia, Italia del Nord. Parlano il Ròmanes misto di parole tedesche. Si dividono in sottogruppi in base al luogo di più recente provenienza. All’interno, i clan si distinguono per il nome dell’antenato. Tradizionalmente erano musicisti e giostrai. I Calè, il cui nome vuol dire nero e fa riferimento al colore olivastro della pelle. Parlano il Ròmani con moltissime influenze spagnole e portoghesi. Giunti probabilmente dalla Grecia e dall’Egitto si diffusero in Spagna ed in Francia meridionale. Il gruppo principale è costituito da zingari che tradizionalmente lavoravano come fabbri ferrai, commercianti di cavalli, cocchieri, ballerini di flamenco, maniscalchi, toreri, cantanti 2 . Per lo zingaro ogni uomo che non sia della sua razza è un gagio. Ai suoi occhi il gagio è lo straniero, l’uomo attaccato alla terra, il servo, il contadino, il sedentario. 2 K. Wiernicki, 1997, “Nomadi per forza”, Rusconi, Milano, pagg. 75-81

Anteprima della Tesi di Simona Nora Angela Santopietro

Anteprima della tesi: Le ragazze romni fra il campo e l'istituzione chiusa, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Simona Nora Angela Santopietro Contatta »

Composta da 240 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3232 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.