Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli effetti delle sostanze stupefacenti sui processi cognitivi: l'attuale stato della ricerca

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Nell'Odissea (VII secolo a.C.) si parla del “farmaco Nepente che dona l'oblío dei mali”, probabilmente identificabile con l’oppio. Ippocrate conosce l'uso dell'oppio non solo come analgesico e ipnotico, ma anche come antidiarroico. Fra il IV secolo a.C. e il II d.C., Teofrasto, Nicandro, Temisio, Dioscoride, Celso, Plinio, Galeno ne parlano diffusamente nei loro libri. Anche Virgilio parla dei papaveri “perfusi di sonno”. Probabilmente l'oppio è dunque, insieme al vino, la droga che caratterizza la Roma imperiale: Nerone, Tito, Nerva, Traiano e Adriano ne fecero uso. Petronio ne parla descrivendo la famosa “Cena di Trimalcione”. E il grande imperatore e filosofo Marco Aurelio è probabilmente uno dei primi oppiomani di cui si ha notizia: per molti anni egli assunse quotidianamente oppio sotto forma di theriaka, una preparazione prescrittagli da Galeno, suo medico personale. In Cina l'uso della capsula di papavero come medicina si è nel frattempo diffuso; anche in India l'oppio è il rimedio casalingo più usato da tutte le classi sociali per molti disturbi frequenti. In Cina e in India l'oppio continua a essere il farmaco più usato contro molti disturbi e malattie, mentre non sembra ancora diffuso, o comunque non è considerato degno di nota, l'uso puramente voluttuario. Nel 1526, in India, la prima dinastia Moghul crea un monopolio di stato per la coltivazione del papavero e la vendita di oppio. Nel 1541 l'alchimista svizzero Paracelso introduce in medicina il laudano, una soluzione idroalcolica di oppio che diventa rapidamente popolare in tutta Europa, e che è ancora in uso ai giorni nostri. Intorno al 1732 in India crolla il monopolio statale dell'oppio, e la famosa Compagnia delle Indie nel 1757 assume il controllo della coltivazione di oppio in molte zone del Paese. In questo periodo, in Cina si inizia a fumare l'oppio misto al tabacco e poi con una speciale preparazione anche l'oppio da solo (fino ad allora lo si era usato solo per via orale). La Compagnia delle Indie, appoggiandosi anche a un fiorente

Anteprima della Tesi di Lara Gasparini

Anteprima della tesi: Gli effetti delle sostanze stupefacenti sui processi cognitivi: l'attuale stato della ricerca, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lara Gasparini Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6941 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.