Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli effetti delle sostanze stupefacenti sui processi cognitivi: l'attuale stato della ricerca

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 tribali del Triangolo d'oro fra Thailandia, Laos e Birmania, a cui si applicherà un'ulteriore moratoria - una droga illecita. CANNABIS Forse ancora più antica dell’oppio è però la conoscenza della canapa (cannabis sativa). In un villaggio di circa 10000 anni fa nell'isola di Taiwan se ne sono rinvenute tracce. Nello Shu King, libro cinese risalente al 2350 a.C. circa, si parla della ricchezza della provincia di Shantung in “seta, canapa, piombo, alberi di pino e strane pietre”. Certamente in Cina la canapa è stata utilizzata fin dai tempi più antichi per la tessitura: in una tomba della dinastia Chou I (249 a.C.) si sono rinvenuti frammenti di un tessuto di canapa, e nel Libro dei Riti (II secolo a.C.) si prescrive che i defunti siano avvolti in teli di canapa. Infine, non bisogna dimenticare che intorno all'anno 105 d.C. i Cinesi inventarono la carta, ottenuta proprio dalle fibre di canapa. L'uso della canapa come pianta psicoattiva sembra, invece, aver avuto origine in India. Una leggenda vedica racconta che il dio Shiva cercò rifugio dal sole cocente in un boschetto di alte piante di canapa, provò a mangiarne le foglie e ne trasse tanto beneficio da adottarle come suo cibo preferito. I Veda (in particolare il quarto libro, risalente al 1400 a.C.) citano per la prima volta la canapa come una delle piante che “liberano dall'ansia”. Erodoto (V sec. a.C.) racconta dell'uso della canapa in un rito funebre degli Sciti: dopo la sepoltura del defunto, gli uomini si radunavano in piccole tende e buttavano semi di canapa in braceri con pietre roventi, inalandone i vapori “con grida di gioia”. Verso il 1850 i lavoratori indiani immigrati in Giamaica vi importano l'uso della Cannabis. Negli USA, vari preparati di Cannabis - tra cui la marijuana - sono ampiamente usati come farmaci. Il “Rapporto del Canale di Panama” del 1925 afferma che l'uso di canapa non è pericoloso o dannoso alla salute e sconsiglia ogni divieto

Anteprima della Tesi di Lara Gasparini

Anteprima della tesi: Gli effetti delle sostanze stupefacenti sui processi cognitivi: l'attuale stato della ricerca, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lara Gasparini Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6941 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.