Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giappone: crisi strutturale dell'economia e investimenti diretti in Italia e in Europa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 suddividere le critiche in tre filoni principali: quelle riguardanti l’erosione del mercato del lavoro (i paesi in via di sviluppo possono offrire manodopera, anche altamente qualificata, a prezzi più competitivi, con conseguente delocalizzazione e aumento della disoccupazione nei paesi avanzati); quelli riguardanti gli alti costi connessi alle politiche di tutela del lavoro e dell’ambiente (per cui la delocalizzazione permette lo sfruttamento delle risorse naturali locali e del lavoro minorile); quelli riguardanti la diminuzione di sovranità degli Stati nazionali (per cui le decisioni più importanti vengono assunte da organismi come l’OMC, l’Unione Europea o le Nazioni Unite). Eppure sia gran parte della teoria economica, sia l’evidenza empirica, pendono a favore della globalizzazione. 22 Tab. 1.2 – Quote sul Pil mondiale e sulle esportazioni di dieci economie Paese Quota del PIL mondiale 1952 Quota del PIL mondiale 1992 Quota del PIL mondiale 2002 Quota esportazioni mondiali 1997* Quota esportazioni mondiali 2001* Stati Uniti 27,8% 19,7% 21,2% 12,6% 11,9% Giappone 3,3% 8,6% 7,2% 7,7% 6,6% Germania 4,3% (RFT) 4,5% 4,5% 9,4% 9,3% Francia 4% 3,7% 3,1% 5,3% 5,2% Regno Unito 5,9% 3,3% 3,1% 5,2% 4,4% Italia 3,1% 3,4% 2,9% 4,4% 3,9% Canada 1,8% 1,8% 1,9% 3,9% 4,2% Cina 7,1% 12,9% 11,6% 3,3% 4,3% Corea (Sud) 0,3% 1,6% 1,9% 2,9% 1,5% Fonte: per le esportazioni mondiali del 1996, WTO (1998); per le esportazioni mondiali del 2001, WTO (2002). Le quote sul PIL mondiale del 1962 e del 1992 sono mie elaborazioni da Maddison, (1995), pp. 192-195, 202-203, 243. Le quote sul Pil mondiale del 2002 sono mie elaborazioni su dati CIA (2003). * Le esportazioni si riferiscono ai beni manufatti. Infine, c’è da chiedersi se l’economia mondiale sia veramente globalizzata: una delle idee di base è che, almeno per i maggiori paesi industrializzati, ci si stia muovendo verso forme di produzione e di organizzazione della vita economica 22 Cfr. IMF, (2000), e i capp. 5-7 in Hill, (2000).

Anteprima della Tesi di Yari Simone Prete

Anteprima della tesi: Giappone: crisi strutturale dell'economia e investimenti diretti in Italia e in Europa, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Yari Simone Prete Contatta »

Composta da 250 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4186 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.