Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela delle minoranze nazionali in Europa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 CAPITOLO I: LA TUTELA DELLE MINORANZE NAZIONALI DALLA SOCIETA’ DELLE NAZIONI ALLE NAZIONI UNITE 1. Cosa si intende per “minoranza nazionale”? In questo capitolo affronterò la questione delle minoranze nazionali nell’ambito del diritto internazionale universale. Dopo aver spiegato ed approfondito il concetto di minoranza nazionale, passerò ad analizzare come la Società delle Nazioni ha affrontato la questione, essendo stata la prima organizzazione internazionale che ha trattato in maniera complessa la problematica delle minoranze, istituendo la procedura di Petizione. Successivamente analizzerò in quale modo le Nazioni Unite, tramite la Dichiarazione Universale, l’art. 27 dei Patto dei Diritti Civili e Politici del 1966, la Sub-Commissione e infine la Risoluzione del 1992, hanno tutelato i diritti delle minoranze nazionali. La questione delle minoranze, linguistiche, religiose, etniche e quindi nazionali, è una problematica che affonda le sue radici nella storia europea e mondiale 1 , ma è anche una vicenda intessuta di discriminazioni, repressioni e violenze e questo è stato ormai appurato, quanto è noto che tale questione non sia stata risolta. Le minoranze hanno da sempre messo in crisi gli Stati autoritari quanto quelli democratici e, a causa di questa loro posizione politicamente scomoda, il diritto internazionale ha avuto molte difficoltà nel predisporre trattati o convenzioni volti a tutelarle, potendosi tuttavia identificare due distinti orientamenti. Il primo, adottato dalla Società delle Nazioni, considerava i diritti delle minoranze come collettivi, cioè associati ai gruppi minoritari di per sè, e quindi tutelabili tramite trattati e convenzioni appositamente predisposte a tale scopo. L’altro orientamento, assunto inizialmente dalle Nazioni Unite, presumibilmente in seguito alla pressione degli Stati nazionali, considerava i diritti delle minoranze uti singuli, ossia diritti individuali, personali, inseribili nel più ampio contesto dei diritti umani, tanto che nella Dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo non fu approvato nessun articolo che tutelasse le minoranze. Tuttavia da un disinteresse internazionale verso la problematica, dimostrato nei primi anni del secondo dopoguerra, durante l’ultimo 1 Finzi R., Lotti S., Dove va l’Europa? Problemi e prospettive del vecchio continente nel mondo attuale, Milano, 1989, p 114.

Anteprima della Tesi di Luca Carapelli

Anteprima della tesi: La tutela delle minoranze nazionali in Europa, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Luca Carapelli Contatta »

Composta da 217 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6083 click dal 13/04/2005.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.