Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fallimento e contratto preliminare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 b) domanda trascritta tempestivamente Nel caso in cui il promissario abbia trascritto la domanda di esecuzione in forma specifica ai sensi dell’art. 2652, n. 2, del codice civile, la dottrina non ha dato risposte unanimi circa la sorte del relativo giudizio, nel momento in cui sopraggiunga il fallimento del promittente. Essendo la domanda trascritta tempestivamente, sembrerebbe, secondo un’autorevole dottrina 16 , varcata la sfera di operatività dell’art. 45 l. fall., che sancisce l’inopponibilità al fallimento degli atti per i quali non sono state eseguite le formalità necessarie per renderli opponibili ai terzi 17 . Tale orientamento dimostra la procedibilità della domanda 16 E’ il pensiero di COLESANTI, Fallimento e trascrizione delle domande giudiziali, Milano 1972, pag. 230. 17 La stessa dottrina, COLESANTI, op.cit, pag 240, nota 111, si pone l’interrogativo se per “formalità rilevante”ai sensi dell’art 45 l. fall. sia sufficiente la trascrizione della domanda, oppure occorra la trascrizione della sentenza che accoglie la domanda (che tra l’altro sarebbe impossibile ottenere dopo la sentenza dichiarativa di fallimento). Il dubbio è lecito sottolineando i seguenti aspetti: 1) L’art. 2652 n.2 presuppone un conflitto tra atti parimenti soggetti a trascrizione (o iscrizione) e la sentenza che dichiara il fallimento va invece solo annotata, viene quindi a mancare uno dei termini che permette alla norma che fissa la valenza prenotativa della trascrizione delle domande giudiziali di operare in ambito fallimentare. 2)A differenza di tutte le domande soggette a trascrizione ex 2652 c.c., quella di esecuzione del preliminare è l’unica per la quale sia prevista la trascrizione della sentenza, essendo sufficiente in tutti gli altri casi che sia annotata Si sostiene, pertanto, che questo fatto potrebbe voler alludere ad una precisa scelta del legislatore di voler

Anteprima della Tesi di Sandra Rossali

Anteprima della tesi: Fallimento e contratto preliminare, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Sandra Rossali Contatta »

Composta da 211 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5540 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.