Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Garibaldi e il ''garibaldinismo'': Storia di un mito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Garibaldi e il “garibaldinismo”: Storia di un mito. stata spesso inclemente ma le tendenze popolari sono sempre state entusiaste nei suoi confronti. In Inghilterra la stampa fu molto favorevole all'Italia, a questo molto influì la tradizione anglicana (avevano un'avversione istintiva per il Pontefice), non bisogna però dimenticare che essi subivano anche un forte fascino da parte dell'eroe senza macchia e senza peccato. La fama di cui il Generale godeva in Inghilterra trovava poi uno strumentale utilizzo nei giornali italiani interessati alla sua esaltazione, creando un circolo vizioso in cui il vero protagonista era appunto il mito. Il 1864 fu l'anno della sua visita in Inghilterra, in questa occasione la sua popolarità raggiunse l'apice, l'influenza sui circoli radicali lo rese un simbolo della classe operaia. Il governo inglese per evitare che egli potesse essere strumentalizzato da Mazzini e dall'ala antisistema inglese, decise di porre fine alla sua visita che stava ormai divenendo scomoda. Il suo soggiorno in Gran Bretagna incrinava i rapporti con la Francia dove imperversava la controversia sulla difesa di Roma e del Pontefice. Anche dopo la morte egli lasciò nell'opinione pubblica nazionale e internazionale un'immagine che rimarrà per sempre impressa nella coscienza collettiva. Nel 1882 la sua popolarità era elevata ad un punto tale da mettere il governo italiano nella condizione di dover impedire che i suoi funerali avvenissero a Roma, al fine di evitare che potessero offuscare quelli di Vittorio Emanuele II avvenuti quattro anni prima. In Francia alla notizia della sua morte i lavori del Parlamento vennero chiusi per lutto e in Inghilterra nessun giornale poté esimersi dal commentare questo tragico evento. Il 10 giugno 1882, otto giorni dopo la sua morte uno dei principali settimanali britannici “The Spectator” poneva la domanda: «Why did this man, with no claim of birth, no education, no great power of thought, so 14

Anteprima della Tesi di Ennio Belforte

Anteprima della tesi: Garibaldi e il ''garibaldinismo'': Storia di un mito, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Ennio Belforte Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9792 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.