Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I comportamenti della pubblica amministrazione in materia espropriativa: tutela giurisdizionale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I comportamenti della P.A. in materia espropriativa – tutela giurisdizionale 10 occupare della P.A. e dei soggetti ad essa equiparati, se e solo se, essa stessa agisce con i poteri autoritativi suoi propri. In altri termini, ponendo l’accento sulla “pubblica amministrazione-autorità”, la sentenza 204 finisce per riproporre e consolidare un immagine tradizionale sia della p.a. che della G. A. Se il “quid proprium” della G.A. è quindi la cura degli interessi pubblici, attuata principalmente con strumenti ulteriori e diversi da quelli del diritto comune, anche la giurisdizione amministrativa, intesa come giurisdizione speciale, deve rispecchiare, sul versante processuale, la specialità dei rapporti sostanziali che intercorrono tra il cittadino e la p.a. 13 Rimane pertanto fuori dall’ambito della conoscenza della giurisdizione amministrativa il settore relativo all’attività della pubblica amministrazione di diritto privato, cioè l’ambito nel quale la pubblica amministrazione agisce senza avvalersi del potere o degli strumenti pubblicistici-autoritativi. 14 Ed è proprio 13 ARISTIDE POLICE La giurisdizione del giudice amministrativo è piena ma non più esclusiva” in Giornale di Diritto Amministrativo 9/04 pag 974-977 l’autore così osserva: “In sostanza se la giurisdizione esclusiva è costituzionalmente legittima quando anche , è evidente che della giurisdizione esclusiva non vi sarebbe più necessità (o utilità) alcuna. Infatti ha concluso col dire che la G.A. è piena ma non più esclusiva.” 14 È interessante notare che la Corte si è ben guardata dal definire l’interesse legittimo ed anche dall’affermare esplicitamente la corrispondenza tra l’interesse legittimo e la giurisdizione amministrativa. La 204 ha riaffermato la storica distinzione diritto soggettivo – interesse legittimo senza riferirsi alle situazioni soggettive ma al concreto agire della P.A. a secondo che la stessa disponga o meno dei suoi poteri autoritativi. La difficoltà di definire il concetto di interesse legittimo ha indotto alcuni autori ad utilizzare l’“autoritatività” per definire il riparto di giurisdizione. (GIORGIO BERNARDO MATTARELLA: Il lessico amministrativo della consulta e il rilievo costituzionale della attività amministrativa, in Giornale di diritto amministrativo 9/04 pag 979 ss). Secondo l’autore <

Anteprima della Tesi di Francesco Maria Di Noto

Anteprima della tesi: I comportamenti della pubblica amministrazione in materia espropriativa: tutela giurisdizionale, Pagina 10

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Francesco Maria Di Noto Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5100 click dal 18/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.