Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Immigrazione extracomunitaria e lavoro in Veneto: il caso del comune di Oderzo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 1.1 Le difficoltà dell'integrazione La prima questione rilevante ha a che fare con l'eccessiva risonanza che spesso ha la frangia deviante della popolazione immigrata rispetto alla ridotta eco della normalità di chi lavora, si disperde nei quartieri popolari, ricongiunge la famiglia. Si tratta per certi aspetti di un fenomeno ben noto alla comunicazione di massa, in cui sono i fatti aberranti ad attrarre principalmente l'attenzione, mentre la banalità della normalità non fa notizia. Ma questa regola sembra esasperata nel caso dell'immigrazione straniera. Da sempre i "diversi" sono visti come sospetti e l'opinione comune tende a produrre stereotipi negativi nei loro confronti, stereotipi che contribuiscono a canalizzare le ansie mediante l'identificazione dei "responsabili" dei problemi economici e sociali che affliggono i paesi ospitanti, e quindi a ricomporre in qualche modo l'identità collettiva della società. Il fatto che le classi medio- basse siano più soggette all'influenza dei pregiudizi verso gli stranieri, viene spiegato argomentando che esse "vivono in condizioni più ansiogene, in un clima di quotidiana frustrazione che le pone più regolarmente a contatto con le tensioni che attraversano la società multietnica." (Albert Bastenier, 1991) Secondo Ambrosini, le vittime del pregiudizio sono in modo particolare coloro che appartengono ai gruppi etichettati come maggiormente problematici destinati alla "discriminazione statistica" da parte di datori di lavoro e di proprietari di alloggi. Si tratta di quelle procedure informali in base alle quali chi appartiene a determinate fasce sociali, in cui si rileva una certa frequenza di comportamenti a rischio, viene scartato per analogia, perché si reputa che avrà maggiori probabilità di altri di produrre comportamenti indesiderati. A questo dato si accompagna una incessante propensione a ragionare per categorizzazioni etniche: sulla base di pochissimi casi individuali conosciuti o semplicemente raccolti per sentito dire, è normale

Anteprima della Tesi di Stefania Longo

Anteprima della tesi: Immigrazione extracomunitaria e lavoro in Veneto: il caso del comune di Oderzo, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Stefania Longo Contatta »

Composta da 318 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6653 click dal 25/05/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.