Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Immigrazione extracomunitaria e lavoro in Veneto: il caso del comune di Oderzo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 del ritorno, ben al di là della nostalgia o di forme irrazionali ed emotive di attaccamento alle loro radici: "i migranti di prima generazione hanno tutto l'interesse a mantenere una continuità con le loro origini etniche e con il loro passato. Essi possono valutare il proprio successo in relazione alle norme sociali della terra d'origine o della comunità immigrata in cui vivono." (Roosens, 1989) La percezione di fenomeni di discriminazione e di rifiuto da parte della società locale e il bisogno della solidarietà dei connazionali, sia per fini pratici sia per reggere lo stress emotivo della lontananza da casa e del confinamento nelle occupazioni più pesanti e sgradite, accrescono la tendenza alla separatezza. Ciò comporta una serie di inevitabili conseguenze. Ambrosini sostiene che viene indebolita, per cominciare, la disponibilità all'apprendimento della lingua italiana. Infatti anche la motivazione verso la formazione professionale è fatalmente condizionata dall'orientamento al ritorno. Esistono certo dei vincoli, che derivano dal bisogno di guadagnare ogni mese la cifra necessaria per vivere -e anche per aiutare i congiunti rimasti in patria- così come, per chi ha un'occupazione, dagli orari spesso atipici e prolungati. Ma in ogni caso, l'idea di un investimento da compiere ora, rinunciando a dei riscontri immediati, per ottenere dei benefici nel futuro, è piuttosto lontana dalla psicologia tipica del migrante. Le sue speranze di miglioramento sono solitamente riposte in ciò che potrà realizzare in patria, mentre nella sua attuale condizione è più probabile che sia attratto dalla possibilità di guadagnare di più, mediante gli straordinari, accettando turni notturni, facendo magari ore o lavori supplementari pagati "in nero". ( Ambrosini, 1997)

Anteprima della Tesi di Stefania Longo

Anteprima della tesi: Immigrazione extracomunitaria e lavoro in Veneto: il caso del comune di Oderzo, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Stefania Longo Contatta »

Composta da 318 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6653 click dal 25/05/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.