Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Donne in carriera e carriere di donne: il caso delle docenti universitarie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 La crescita della forza lavoro femminile verificatasi nei paesi occidentali, è avvenuta grazie a diversi fattori concomitanti, sia strutturali sia socioculturali. Dal lato della domanda, ad esempio, è stato decisivo l’esteso ampliamento del terziario, settore che si va sempre più femminilizzando: all’inizio di questo decennio il 40% delle donne era occupata nel terziario, e in Francia e in Gran Bretagna la quota ha già superato da tempo il 50%. Questo settore, inoltre, comprende, per lo più, attività tradizionalmente demandate alle donne: dall’assistenza ad anziani e malati, all’educazione dei giovani. Attività che un tempo le donne svolgevano all’interno delle mura domestiche, e che adesso si sono professionalizzate. Il lavoro nel terziario è poi generalmente caratterizzato da un orario ridotto e più flessibile, e viene dunque incontro alle esigenze di gestione della famiglia da parte delle donne, alla cosiddetta “doppia presenza”, di cui parleremo più avanti. Inoltre, al pubblico impiego si accede per concorso su titoli ed esami, quindi attraverso “meccanismi di selezione all’ingresso molto formalizzati e indifferenti agli attributi di genere”, perciò non penalizzanti per le donne, come, invece, lo sono quei meccanismi in cui discrezionalità e cooptazione sono alte (Reyneri 1996, p.119). Anche dal lato dell’offerta di lavoro, quella femminile, si è molto modificata: le donne sono sempre più scolarizzate, e il possesso di un elevato titolo di studio allunga la loro permanenza tra le forze lavorative; 4 il lavoro, inoltre, non è più visto come una parentesi temporanea in attesa del matrimonio, ma è considerato uno degli elementi centrali del progetto di vita. I movimenti femminili e femministi, negli anni Settanta, hanno contribuito alla formazione di una nuova identità e coscienza femminile. 4 Come indica la già citata ricerca di Bison, Pisati e Schizzerotto, 1996.

Anteprima della Tesi di Michela Balocchi

Anteprima della tesi: Donne in carriera e carriere di donne: il caso delle docenti universitarie, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Michela Balocchi Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8953 click dal 18/04/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.